Il Toro torna al Mazza per la prima volta dal 1981. Ultimo incrocio in campionato nel 1968

Il Torino è una delle cinque squadre che la SPAL ha salutato nel 1968 (assieme a Juventus, Fiorentina, Inter e Roma) e ritrovato solo mezzo secolo più tardi col nuovo approdo in serie A. L’ultimo incrocio di campionato – rigorosamente nel massimo campionato – al “Paolo Mazza” (che allora si chiamava “Comunale”) risale al febbraio 1968, con la SPAL in piena corsa per la salvezza poi sfuggita a fine stagione per tre punti.

25 febbraio 1968, 21^ giornata
SPAL-Torino 0-0

SPAL: Cipollini, Stanzial, Tomasin, Pasetti, Bertuccioli, Parola, Boldrini, Bigon, Rozzoni, Lazzotti, Brenna. All.: Petagna.
Torino: Vieri, Poletti, Fossati, Puja, Cereser, Agroppi, Carelli, Ferrini, Combin, Moschino, Facchin. All.: E. Fabbri.
Arbitro: Angonese di Mestre

Da allora le sorti delle due squadre si sono incrociate solo nell’edizione 1980-81 della Coppa Italia, ai quarti di finale. Nella gara di andata la SPAL si impose 1-0 sul Toro della coppia Pulici-Graziani, salvo poi essere travolta 4-0 nella gara di ritorno in Piemonte.

18 marzo 1981, gara di andata 
SPAL-Torino 1-0

SPAL: Renzi, Cavasin, Ferrari, Miele, Albiero, Brilli, Giani (dal 25′ s.t. Tagliaferri), Castronaro, Gibellini (dal 18′ s.t. Bergossi), Rampanti, Grop. All.: Rota (in panchina Bozzao).

Torino: Copparoni, Cuttone, Volpati, Sala, Danova, Van de Korput, D’Amico (dal 1′ s.t. Mariani), Pecci, Graziani, Sclosa, Pulici. All.: Cazzaniga.
Arbitro: Mattei di Macerata.
RETI: 32′ s.t. rig. Ferrari (S).

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0