Amarcord VAR: sabato tocca a Valeri, usò (bene) il video due volte durante SPAL-Udinese

Sarà ancora una volta un arbitro internazionale a dirigere una partita casalinga della SPAL: dopo la designazione di Rocchi per SPAL-Hellas Verona (seguita alle proteste post Roma-SPAL), stavolta toccherà all’esperto Paolo Valeri (in organico di serie A dal 2010) dirigere il match di sabato prossimo contro il Torino al “Paolo Mazza”.
In una settimana contrassegnata da polemiche furibonde sull’utilizzo del VAR, si tratta di una coincidenza curiosa: Valeri infatti ha usato il VAR in due occasioni nel suo unico precedente stagionale con la SPAL, lo scorso 27 agosto durante la partita con l’Udinese vinta 3-2 dai biancazzurri. Grazie all’ausilio del video convalidò il gol di Lazzari (che valeva il temporaneo 2-0) e assegnò un rigore all’Udinese, inizialmente sfuggito alla sua attenzione.

Valeri, che può vantare un curriculum di 149 partite arbitrate in serie A, di recente è stato designato per partite di grande importanza come Milan-Juventus e Juventus-Inter. Ad accompagnarlo nella trasferta ferrarese ci saranno gli assistenti Giallatini e Bindoni, il quarto uomo Di Martino e i responsabili del VAR Gavillucci e Aureliano.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0