Le voci dallo spogliatoio. Grassi: Fallo evidente su di me. Viviani: Mercato? Io sto bene qui

Al termine dell’incontro tra SPAL e Torino abbiamo raccolto le impressioni di due protagonisti di giornata, Alberto Grassi e Federico Viviani.

ALBERTO GRASSI
“Siamo molto contenti per il risultato, anche se dobbiamo migliorare ancora su tantissime cose. Il rigore? Credo sia anche superfluo parlarne. L’arbitro era convinto che il giocatore del Torino avesse preso il pallone, per fortuna la VAR è interventuta assegnandoci un rigore sacrosanto. Se non ci fosse stato probabilmente avrei segnato, ma ha fatto gol Antenucci e va bene così perché è fondamentale che i nostri attaccanti trovino confidenza con il gol. Il Torino si è dimostrato essere un’ottima squadra, ma se noi continuiamo a giocare come stiamo facendo ultimamente è tanta roba, sono certo che così riusciremo a mettere in difficoltà chiunque. La lotta salvezza? Salvo sorprese è tra le ultime quattro squadre, anche in funzione dei risultati odierni”.

FEDERICO VIVIANI
“Da un lato siamo contenti per essere riusciti a portare a casa un punto, ma dall’altro c’è il rammarico per l’avvio di partita nel quale in dieci minuti abbiamo preso due gol. Anche oggi comunque la squadra ha dimostrato di avere il carattere giusto, la determinazione giusta per raggiungere il nostro obiettivo, che è mantenere la Serie A. Le due punizioni calciate? Sulla prima è stato bravo il portiere mentre in quella del 2-1 la palla è partita con il giusto giro e per fortuna è terminata in rete. Anche il salvataggio sulla linea non è frutto del caso: in allenamento priviamo spesso questa situazione, con un uomo sul palo che deve intervenire in queste situazioni, in ogni caso sono stato fortunato a trovarmi nel posto giusto al momento giusto. La SPAL ha una manovra lenta? Non credo, abbiamo dimostrato di essere in grado di tenere ritmi alti e le prestazioni contro alcune big ne sono la conferma. Le voci che mi vedono accostato alla Fiorentina sono basate su nulla, a me non ha chiamato nessuno e mi trovo bene alla SPAL”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0