Salta la panchina di Martelossi: mossa a sorpresa del Kleb, squadra affidata a Bonacina

E’ durato esattamente sei mesi il terzo regno di Alberto Martelossi sulla panchina del Kleb Ferrara. Presentato lo scorso 9 giugno 2017, oggi il coach friulano è stato esonerato dopo la pesante sconfitta di Montegranaro. In barba a un contratto triennale firmato l’estate scorsa ed ai relativi propositi di programmazione a lungo termine che erano stati espressi nel giorno dell’insediamento ufficiale. Martelossi paga senz’altro un andamento diverso rispetto a quello delle aspettative stagionali, fissate dal presidente Bulgarelli nella conquista dei playoff. Non che il Kleb sia poi così lontano, con un intero girone di ritorno da giocare: il bilancio finora è di 14 punti, -2 dall’ottava posizione attualmente occupata proprio da Imola.  Il tutto senza tentativi concreti di ritocchi al roster.

La posizione del tecnico si era senz’altro aggravata dopo la pesante debacle di domenica, tanto da indurre la dirigenza a convocare una riunione in serata. Pareva inizialmente che a Martelossi fosse stata concessa la prova d’appello, domenica prossima in casa contro Imola, invece nel tardo pomeriggio di lunedì è arrivato il comunicato fatale: “Il Kleb Basket Ferrara comunica l’esonero del coach Alberto Martelossi. A cominciare dall’allenamento di domani la squadra biancazzurra sarà affidata ad Andrea Bonacina, già assistente allenatore. La società del patron Fabio Bulgarelli ringrazia Alberto Martelossi per l’impegno profuso e gli augura il migliore futuro”. La mossa non sembra aver incontrato i favori della tifoseria, che fin da subito si è espressa in maniera particolarmente chiara commentandola negativamente sul profilo Facebook ufficiale della società.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0