Un punto e tanti rimpianti: Floccari risponde a Samir, biancazzurri incisivi solo nella ripresa

La SPAL pareggia in casa dell’Udinese e porta a casa un punto importante in chiave salvezza. La truppa di Semplici dopo un primo tempo anonimo in cui sono mancati incisività e brillantezza ha rimontato l’Udinese, passata in vantaggio con una zuccata di Samir, grazie al guizzo in area di rigore di Floccari. Ai punti meglio i biancazzurri dei bianconeri di Oddo e questo non può che alimentare i rimpianti in casa SPAL.

Nei primi 45′ alla “Dacia Arena” di Udine l’intensità in campo è da amichevole, è la noia a farla da padrona. Le squadre disposte in campo dai due allenatori con sistemi di gioco speculari si annullano a vicenda e gli spazi per cercare una giocata sono pochi. Al 5′ brivido per gli oltre mille e cinquecento tifosi biancazzurri sugli spalti, ma De Paul, ostacolato senza fallo da Vicari, cicca il pallone e Gomis fa sua la sfera in uscita bassa con disinvoltura. Più sbadigli che emozioni, anche perché la SPAL è quasi impalpabile. Al 6′ squillo di Kurtic ma il suo sinistro dalla distanza è troppo debole per impensierire Bizzarri. La poca verve degli ospiti la si nota all’11’, quando Samir insacca di testa il pallone del 1-0 per l’Udinese, complice un intervento maldestro di Gomis e una dormita di Felipe e Kurtic in marcatura. I padroni di casa così si trovano in vantaggio senza dover fare chissà che cosa: minimo sforzo, massima resa. Antenucci e compagni provano a rispondere ma le idee sono davvero poche: al 15′ Viviani imbuca una palla in verticale per Floccari che calcia di prima intenzione di mancino, il pallone finisce distante dallo specchio della porta bianconera. L’Udinese non ha nemmeno la pretesa di tenere in mano il pallino del gioco, aspetta che la SPAL sbagli in fase di costruzione e poi accelera in contropiede, come al 19′: bravo Lazzari a chiudere con tempismo in diagonale su Jankto, imbeccato nel cuore dell’area estense da Barak dopo una bella azione in verticale orchestrata da Lasagna e De Paul. La SPAL prova ad aggrapparsi alle giocate di Lazzari – di sicuro il più determinato fra le fila spalline insieme a Cionek – per scuotersi un po’, ma è l’Udinese a sfiorare la rete del raddoppio: al 36′ De Paul serve Lasagna che con il controllo fa secco Vicari, ma poi preferisce la potenza alla precisione e spara una cannonata larga alla sinistra di Gomis. La SPAL grazie alle sgroppate sull’out di destra di Lazzari sul finire del primo tempo prende un po’ più di coraggio ma all’intervallo il bandolo della matassa pare lontano.

Però al rientro dagli spogliatoi è la difesa dell’Udinese a dormire: al 49′ Floccari da vero rapace dell’area di rigore mette il piede su un tiro al volo di Antenucci siglando il gol del pareggio. L’1-1 accende il match, anche se le emozioni si susseguono più per errori in fase di disimpegno che per giocate spettacolari: prima Vicari rischia di beffare Gomis con un retropassaggio contro tempo, poi Danilo per un pelo non serve un assist involontario ad Antenucci in agguato. La SPAL prende campo ma al 63′ è ancora Lazzari ad essere provvidenziale in chiusura su Jankto, sventando un contropiede in doppia superiorità numerica dell’Udinese. Poi sono gli ospiti ad essere pericolosi, i due interventi di Bizzarri lasciano inchiodato il risultato sull’1-1: il numero 1 bianconero prima (71′) devia in angolo un colpo di testa di Vicari, poi (73′) respinge un bolide di Grassi calciato al volo da fuori area. Sugli sviluppi dell’azione è provvidenziale Danilo in chiusura su Antenucci. La SPAL, almeno ai punti meriterebbe il vantaggio, ma all’82’ Grassi calcia alto una bella palla messa in mezzo dall’onnipresente Lazzari. I biancazzurri ci provano fino alla fine a conquistare i tre punti ma non riescono a fare breccia nella difesa dell’Udinese e si devono accontentare di un punto, comunque preziosissimo per la corsa salvezza.

Udinese – SPAL 1-1 (1-0 p.t.)

Udinese (3-5-2): Bizzarri; Nuytinck, Danilo, Samir; Stryger Larsen, Barak, Balic (28′ s.t. Maxi Lopez), Jankto (22′ s.t. Hallfredsson), Pezzella; De Paul, Lasagna. A disposizione: Borsellini, Scuffet, Caiazza, Donadello, Vasko, Fofana, Ingelsson, Pontisso, Perica, Varesanovic. Allenatore: Massimo Oddo.
SPAL (3-5-2): Gomis; Cionek, Vicari, Felipe; Lazzari, Kurtic, Viviani (33′ s.t. Schiattarella), Grassi, Mattiello (45′ s.t. Dramé); Floccari, Antenucci. A disposizione: Marchegiani, Meret, Cremonesi, Vaisanen, Bellemo, Costa, Mora, Vitale, Bonazzoli, Paloschi. Allenatore: Leonardo Semplici.

ARBITRO: sig. Doveri di Roma 1 (Assistenti: Lo Cicero – Vivenzi; Iv: Martinelli; Var: Gavillucci; Avar: Ros).
MARCATORI: 11′ Samir (U). Secondo tempo: 49′ Floccari (S)
AMMONITI: Felipe (S), Pezzella (U), Kurtic (S), Viviani (S), Danilo (U)
NOTE: recupero: 3′ p.t., 4′ s.t. Angoli: 5 – 7.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0