Borriello insultato… per il fantacalcio. L’attaccante rende noti i messaggi via Instagram

Nei giorni in cui Davide Santon ha dovuto disattivare il suo profilo Instagram per difendersi dagli insulti post Inter-Roma, anche Marco Borriello contribuisce a fornire uno spaccato dell’inciviltà che contraddistingue certi “appassionati” di calcio pubblicando sempre su Instagram le schermate di alcuni messaggi ricevuti in giornata da un altro utente. In questo caso la motivazione degli insulti è ancora più demenziale: il fantacalcio.
Il ragazzo, che si firma Matteo, rimprovera – in toni tutt’altro che amichevoli – a Borriello di non rendere secondo le aspettative, gli intima (!) di andarsene dall’Italia per favorire le sue fortune al gioco e infine chiude in bellezza augurandogli degli infortuni, infarcendo il tutto con altri insulti gratuiti.

Borriello non ha commentato ulteriormente, salvo inserire un’eloquente faccina a margine dell’ultimo messaggio. La sua ultima apparizione in campo risale ai minuti finali di SPAL-Torino del 23 dicembre, da allora l’ex Cagliari ha accusato un infortunio al polpaccio dal quale sta recuperando.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0