Riecco Meret, da dove aveva lasciato: Sono contento, spero che il mister mi dia fiducia

Al termine dell’incontro abbiamo raccolto le impressioni di due protagonisti della gara: Alex Meret e Thiago Cionek, entrambi per motivi diversi al debutto al Mazza in questa stagione.

ALEX MERET
“Siamo molto contenti per aver strappato un punto all’Inter, una delle squadre migliori del campionato. Ci abbiamo creduto fino alla fine nonostante il gol subìto ad inizio secondo tempo. Siamo stati bravi, abbiamo lottato e questa è la dimostrazione che il gruppo ha fame e voglia di dare tutto per conquistare la salvezza. Oggi si è comportata bene tutta la difesa, va ricordato che l’Inter ha giocatori molto pericolosi, ma oggi la SPAL li ha arginati bene. Oggi il mister ha schierato un centrocampo folto e questo ha senza dubbio aiutato tutta la difesa, penso si sia visto. Sul piano personale sono contento di essere tornato a giocare perché l’operazione mi ha tenuto fuori molto tempo, spero il mister mi dia altre occasioni”.

THIAGO CIONEK
“Sapevamo della qualità dell’avversario, immaginavamo che sarebbe stata una partita durissima e così è stata, ma la SPAL oggi ha giocato molto bene. Non è stato facile riuscire a recuperare il risultato dopo essere andati in svantaggio, ma alla fine ci siamo riusciti e questa è la cosa più importante. Durante la settimana abbiamo preparato la gara al meglio analizzando i punti e forti e deboli dell’Inter, abbiamo seguito tutto quello che ha detto il mister e siamo molto contenti. Il modulo? Ci adattiamo in base a cosa serve per le diverse partite, la SPAL ha un organico capace di interpretare più soluzioni di gioco. La strada è ancora molto lunga, ma è sicuramente quella giusta. Spesso ci capita di recuperare le partite, speriamo in avanti di andare noi in vantaggio perché è sicuramente più facile. Il mio arrivo alla SPAL? Giocare in Serie A è l’obbiettivo di ogni calciatore, quando è arrivata la chiamata del dg Vaganti non ci ho pensato due volte”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0