Semplici sul banco degli imputati? Il mister ammette: Troppi errori, ma la fiducia c’è ancora

Una sconfitta che fa male contro una diretta concorrente per la salvezza non può certo essere digerita in poche ore. Che questo risultato possa avere strascichi più importanti lo si scoprirà nelle prossime ore: al proposito Semplici si professa sereno, ma poco tranquillo. Di seguito le dichiarazioni complete del tecnico spallino nel post partita di Cagliari-SPAL.

“Sono molto deluso perché doveva essere una gara che ci avrebbe dovuto dare fiducia, ma così purtroppo non è stato. Abbiamo fatto diversi errori e molti passi indietro rispetto le ultime uscite, commettendo molti errori sia in fase difensiva che di possesso. Non abbiamo giocato la partita come l’avevamo preparata. Tutta la squadra ha avuto molte difficoltà ma abbiamo servito poco e male i nostri attaccanti, che se sull’uno a zero abbiamo avuto un’importante palla gol con Floccari che avrebbe potuto cambiare tutto. Dobbiamo fare un’analisi molto importante di questa gara, la sconfitta non ci voleva e ci deve far pensare: dovremmo lavorare su tanti aspetti perché possiamo anche perdere, come purtroppo sta succedendo spesso quest’anno, ma l’atteggiamento deve essere comunque diverso. Purtroppo quando giochiamo contro una squadra pari livello o uno scontro diretto andiamo in difficoltà, è una situazione che purtroppo è emersa anche in passato, mentre quando affrontiamo avversari più forti giochiamo con la mente sgombra e paradossalmente facciamo prestazioni migliori: questo è un aspetto che deve far pensare all’allenatore per cercare di migliorarlo. Bisogna lavorare duramente perché andando avanti le partite e i punti a disposizione diminuiscono sempre di più. Meret? Forse è stato incerto in una circostanza ma non abbiamo certamente perso per colpa sua, dobbiamo fare tesoro di quelli che sono i nostri limiti e cercare di rafforzare i nostri pregi. Se sono pronto a lavorare in tranquillità? Sereno non tanto, nel senso che sono consapevole di quello che è il nostro percorso e il nostro obbiettivo, non sarà un risultato negativo a scalfire le nostre idee. Sento la fiducia della società: sono sempre abbastanza sereno ma tranquillo mai. Credo che sapessimo tutti quali erano gli obbiettivi e le difficoltà che avrebbe portato la Serie A”.

foto: Agenzia Fotocronache, Cagliari

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0