L’asta delle maglie storiche si chiude con un grande risultato: raccolti più di 7mila euro

Ad un mese dal suo inizio si è conclusa l’asta di beneficenza dedicata alle maglie celebrative indossate dai giocatori biancazzurri in occasione della gara SPAL-Hellas Verona del 10 dicembre scorso. Come era plausibile dopo la splendida risposta dei tifosi alla prima settimana di asta, la collaborazione della società di via Copparo con l’associazione “Un’azione per un sorriso”, ha realizzato un incasso di tutto rispetto: 7.575,35 Euro che saranno devoluti a cinque onlus del territorio ferrarese (Dalla Terra alla Luna, Fondazione ADO, ANDOS-Comitato di Ferrara, Associazione Giulia, Nati Prima).

La casacca di Mirco Antenucci si è rivelata quella più ambita (525€), seguita da quella di Sergio Floccari (421€). A completare il podio un’altra maglia amatissima dai tifosi spallini: la 29 di Manuel Lazzari (370€). Da segnalare diverse maglie che hanno varcato la soglia dei 300 Euro: Gomis, Schiattarella, Borriello, Viviani, Mora, Rizzo. Ma anche giocatori poco utilizzati da mister Semplici si sono rivelati alquanto preziosi nel loro contributo di solidarietà: Meret, Schiavon e Pa Konate, ad esempio, hanno visto la loro casacca superare i 250€. Di seguito riportiamo l’elenco completo delle maglie al prezzo a cui sono state battute. La società SPAL ha inoltre comunicato gli assegni col ricavato saranno consegnati alle cinque associazioni benefiche durante la prossima settimana.

Antenucci 525€
Floccari 421€
Lazzari 370€
Gomis 356€
Schiattarella 342€
Borriello 316€
Viviani 305€
Mora 302€
Rizzo 300,55€
Grassi 296€
Paloschi 290€
Meret 279€
Schiavon 256€
Pa Konate 253€
Salamon 252,20€
Marchegiani 249€
Vicari 248€
Oikonomou 243€
Vaisanen 232€
Felipe 231€
Cremonesi 223€
Vitale 213€
Costa 201€
Bonazzoli 182€
Mattiello 182€
Bellemo 176€
Poluzzi 176€
Della Giovanna 152,60€

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0