Piove a dirotto sulle Pulcine, ma per loro non è un problema: gol e applausi al torneo Chaffoteaux

Neanche il maltempo è riuscito a spegnere la gioia delle giovani giocatrici che oggi hanno partecipato al 1° Torneo Femminile Chaffoteaux di calcio categoria Pulcine (2007, 2008 e 2009). Al Centro G.B. Fabbri le giocatrici di SPAL, Bologna, Cesena e Sassuolo si sono sfidate senza esclusione di colpi, trasformando una giornata fredda e ventosa, con una pioggia battente dall’inizio alla fine del torneo, in un pomeriggio divertente, con un tifo caloroso a creare un’atmosfera davvero piacevole.

Dagli spalti tutti incitavano le giovani calciatrici, che hanno ricambiato dimostrando impegno e tecnica, con la ricerca delle compagne di squadra che ha quasi sempre prevalso sull’egoismo. Oltre ovviamente a tanta voglia di vincere. Non sono mancate neppure le iniziative dei singoli, che hanno fatto esplodere un pubblico sempre caloroso, ma mai invadente o scontroso, come purtroppo il calcio maschile spesso ci abitua ad assistere anche in questa fascia d’età. Anche in ragazze così giovani si sono visti il carattere e lo spirito di iniziativa. Quello che traspariva era la tanta voglia di giocare nonostante un clima di certo non favorevole. Ed il divertimento è stato alla base di tutto il pomeriggio. Non ci sono stati vincitori e sconfitti, ma tutte le ragazze sono state premiate con una medaglia e ogni squadra ha ricevuto una coppa. Il tutto si è concluso con una una grande ola corale sotto la tribuna, tra foto e applausi.

Per dover di cronaca, per essere antipatici e pignoli, un vincitore c’è stato, ed è stato il Cesena, capace di aggiudicarsi tutte e tre le gare giocate. 1-0 contro il Sassuolo all’esordio, 2-0 ai padroni, anzi alle padrone, di casa e un altro 2-0 al Bologna. Tutto per dimostrare il grande lavoro che da anni la società romagnola sta facendo a livello femminile. La SPAL ha segnato solo un gol, che porta la firma di Linda Cinosi, nella prima partita contro il Bologna, pareggiata 1-1. E’ anche l’unico punto messo a referto perché poi le biancazzurre (oggi con la divisa che ricorda quella del Centenario) non sono state particolarmente fortunate sotto porta, dovendo arrendersi con Cesena (2-0) e Sassuolo (5-0). Per completare il quadro, le bolognesi si sono aggiudicate la sfida con le neroverdi, imponendosi per una rete a zero.

A fine torneo abbiamo incontrato Massimo Carrari, responsabile del settore femminile SPAL, che ci ha dato un suo commento sulla giornata: “Le ragazze si sono divertite e questa è la cosa più importante. È stata una prima esperienza bellissima. Abbiamo avuto la possibilità di partecipare ad un torneo, cosa non da poco conto se consideriamo che la categoria Pulcine non è ancora iscritta al campionato. Questo è stato un modo di confrontarsi a livello regionale, con categorie più alte, professioniste. Abbiamo scelto di premiare tutte e non decretare un primo e un ultimo posto per mantenere lo spirito della manifestazione. Le stiamo facendo crescere, sono giovani. Ho ragazze che hanno iniziato a giocare tra dicembre e gennaio, mentre altre hanno un paio di anni di gioco alle spalle. Sono molto soddisfatto per come è andata la giornata”.

ha collaborato Silvia Simoni
per le foto si ringrazia Isabella Gandolfi

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0