Sospiro di sollievo del patron: Finalmente il carattere, ma la strada per noi è ancora lunga

Quello di Crotone è un successo che aumenta la convinzione e rasserena un po’ gli animi, dopo le ultime settimane vissute in modo abbastanza intenso dall’ambiente spallino. Lo confermano anche le parole al termine delle partita di Simone Colombarini, che però ha voluto ricordare a tutti come tanto ci sia ancora da fare per poter raggiungere l’obiettivo finale: “Siamo molto contenti perché sapevamo che venire a vincere a Crotone sarebbe stato molto difficile, con il risultato che avrebbe pesato così tanto. Abbiamo fatto una bella prestazione, soffrendo un po’ alla fine, ma abbiamo giocato da squadra e lo spirito di gruppo è forse la cosa migliore vista oggi. La squadra è sempre stata molto unita, è un bel gruppo, che a volte è potuto sembrare anche troppo buono: a volte non si è vista la giusta grinta e cattiveria, mentre oggi ci sono state e ci hanno permesso di portare a casa un risultato come questo. Io l’ho sempre detto che abbiamo una bella rosa e che la salvezza è alla nostra portata. I giocatori sono tutti importanti, in questa partita c’è stato qualche cambiamento rispetto alle ultime uscite, ma non vuol dire che chi non ha giocato meriti di meno. Oggi le scelte iniziali sono state premiate dal bel gioco nel primo tempo e in buona parte del secondo, poi soffrire un po’ in questo campo ci sta, con gli avversari sotto che provano in tutti i modi a recuperare. La rosa è ampia e ci sarà bisogno di tutti, anche di chi gioca cinque o dieci minuti o di Borriello, perché questo campionato si deciderà punto a punto all’ultima giornata. Io non parlo di modulo, ci pensa il mister, a me piace vedere la squadra che attacca e oggi non potevamo venire certo qua a difenderci, anche perché se vogliamo salvarci dobbiamo conquistare un po’ di punti da qui in avanti; era la prima occasione di alcune che avremo per portare a casa i tre punti e dovremo farlo ancora. La vittoria è importante per la classifica, ma anche per il morale. Se il pubblico è stato presente qui in buon numero non mancherà sicuramente nelle prossime partite e questa unità che c’è con la squadra fa veramente piacere, anche perché finalmente siamo riusciti a ripagare i loro sforzi. Dobbiamo essere ancora più convinti che possiamo, anzi che ce la faremo, a salvarci. Non abbiamo fatto niente in termini di classifica, perché le cose importanti sono quelle che ci aspettano da qui in avanti per arrivare dove vogliamo, ma oggi possiamo guardare più a cuor leggero i risultati delle altre partite”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0