Lazzari è imprendibile, Cionek intimidisce tutti. Grassi guida un centrocampo arrembante

In attesa della partita che il Crotone giocherà domenica pomeriggio a Torino contro i granata, la formazione di Leonardo Semplici torna a respirare aria di salvezza, superando temporaneamente in classifica la formazione calabrese. Difficile trovare qualcuno a cui rimproverare qualcosa oggi, in una partita comandata sostanzialmente dall’inizio alla fine grazie ad un approccio grintoso fin dai primi secondi di gara. Menzioni particolari però le meritano però i soliti trascinatori di questa squadra, ovvero Lazzari, Antenucci e il neo arrivato Cionek.

MERET 6,5 – Trascorre novanta minuti praticamente da spettatore non pagante, con il Bologna che sfiora il gol solo negli ultimissimi minuti quando è Destro a sprecare incredibilmente a porta vuota. Si dimostra comunque sicuro nei pochi interventi necessari.

CIONEK 7,5 – Continua a essere uno dei giocatori in grado di infiammare maggiormente il pubblico spallino. Nei primi minuti si fa subito notare per una marcatura strettissima su Verdi, poi sembra un po’ in difficoltà quando si tratta di impostare, ma, una volta trovato il vantaggio, concede poco o nulla contro a chiunque si presenti nella sua zona. Chiude con un piccolo problema muscolare dopo una progressione offensiva.

VICARI 7 – Vince nettamente il duello con un Destro apparso anche oggi il fantasma di se stesso. Con la superiorità sale di frequente col proposito di impostare, ma tende più che altro a smistare sui lati anziché proporre imbucate. D’altra parte non è il suo mestiere.

FELIPE 7 – Semplici lo rilancia dopo il riposo forzato di Crotone e il difensore brasiliano gioca una partita di buona personalità, cercando di farsi vedere spesso anche sulla trequarti, dove per altro si prende un’ammonizione decisamente inutile. Nel secondo tempo salva la situazione con almeno due chiusure decisive.

LAZZARI 8 – La mancata convocazione per lo stage della nazionale lo stimola ulteriormente e l’esterno spallino si mangia più volte Masina nel duello uno contro uno. L’unica macchia è un’occasione da posizione molto favorevole, nel primo tempo, sulla quale si coordina male sparando in curva. Lascia il posto a Simic per crampi, dopo aver messo un paio di pezze decisive anche in copertura. (dal 45’ s.t. SIMIC s.v. – Entra per rinforzare la contraerea)

GRASSI 7,5 – Sembra aver beneficiato dalla tre giorni di Coverciano e gioca la miglior partita da quando è in biancazzurro. Fa le cose giuste al momento giusto e, non secondariamente, segna un gol di importanza capitale per la stagione dei suoi.

VIVIANI 7 – La squalifica di Schiattarella gli regala la possibilità di riscattarsi proprio contro la sua ex squadra e il centrocampista scuola Roma tira fuori una grande prestazione. Si propone spesso, ma a differenza del solito cerca la giocata in verticale anziché il passaggio facile sul difensore più vicino. Il pubblico del “Mazza” trattiene il respiro sulla sua punizione a giro dopo undici minuti. Esce solo per motivi tattici. (dal 22’ s.t. EVERTON LUIZ 6,5– Il brasiliano, che non aveva incantato al debutto contro il Milan, entra e si posiziona davanti alla difesa, col compito di intercettare le offensive rossoblù: con le buone o con le cattive, il compito viene portato a termine)

KURTIC 7 – Sembra iniziare a sentirsi a suo agio in questo scacchiere tattico. Lotta con grande determinazione e diverse occasioni biancazzurre nascono da sue ripartenze palla al piede. Nel finale prova a chiudere la partita con un tiro dalla distanza che viene deviato.

MATTIELLO 7 – La sua partita nel primo tempo è complicata dal fatto che si trova nella zona di campo dove si è fermata più acqua. Nella ripresa gioca sempre con diligenza, provando anche proporsi maggiormente in avanti. Mezzo voto in meno per l’ingenuo secondo giallo nel finale e perché prova a fregare l’arbitro con una simulazione al limite dell’area nel primo tempo.

PALOSCHI 6,5 – Corre tanto, ma soffre sia il campo pesante che la fisicità della difesa bolognese. Prima di uscire si fa vedere con una bella azione personale di pura tecnica. (dal 30’ s.t. FLOCCARI 6 – Pochi minuti a disposizione, in cui si impegna nel lavoro sporco richiesto)

ANTENUCCI 7,5 – Si conferma in ogni partita uno dei simboli di questo gruppo. In fase offensiva lavora per i compagni, ma prova anche a sbloccare il risultato con un paio di conclusioni verso la porta di Mirante e, quando c’è da rincorrere o fare qualche fallo, non si fa mai pregare. Guadagna punizioni in zona difensiva per far respirare i compagni.

SEMPLICI 7,5 – Sorprende tutti rimettendo Felipe dopo l’ottima prova di Simic a Crotone e, la prestazione del brasiliano gli dà ragione su tutta la linea. La sua squadra prende in mano la partita sin dal primo minuto, meritando un successo che ha rischiato di svanire solo su un’occasione, abbastanza casuale, del Bologna nel finale. Il suo merito però è quello di non avere mai perso la fiducia e il controllo di questo gruppo e ora i risultati iniziano a arrivare.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0