Truppa quasi al completo, manca solo Borriello. Cionek acciaccato, ma non sembra in dubbio

Dopo due settimane in cui la SPAL aveva preferito allenarsi al lontano da occhi indiscreti, oggi la società biancazzurra ha finalmente riaperto i cancelli del Centro Sportivo G.B. Fabbri a giornalisti e tifosi, una ventina in totale, che hanno potuto ammirare il primo allenamento della squadra di Semplici dopo la vittoria sul Bologna di sabato pomeriggio.
Squadra al gran completo fatta eccezione per Borriello, unico assente giustificato: l’attaccante prosegue col lavoro personalizzato in palestra. Si rivedono in gruppo Salamon e Schiavon, entrambi non convocati per problemi fisici nel derby, anche se non si può ancora determinare se siano recuperabili per domenica. Oggi si sono allenati regolarmente con i compagni. Lavoro differenziato invece per Thiago Cionek e Mattiello.

Il difensore brasiliano è uscito malconcio dal derby, tanto che nel finale lo si è visto chiedere il cambio a mister Semplici, salvo scoprire che le sostituzioni erano esaurite. Per lui dovrebbe essersi trattato solo di affaticamento, per cui il differenziato di oggi va considerato di carattere precauzionale. Mentre Mattiello sicuramente non sarà a disposizione del mister a causa dell’espulsione rimediata nel finale di gara col Bologna. Assenza importante per la squadra, considerando che il giocatore è nella top-five dei più utilizzati da Semplici, con 23 gettoni, 21 da titolare. A Reggio Emilia sulla corsia sinistra verrà dato spazio ad uno tra Costa (14 presenze, ultima da titolare proprio l’andata con i neroverdi) e Dramé (4 presenze, solo contro il Napoli dal primo minuto), entrambi a posto fisicamente. Più defilato Pa Konate, per quanto sia stato pienamente recuperato sotto il profilo fisico.

Allenamento regolare, svolto non sul campo in erba come di consueto ma sul sintetico, stessa superficie che i biancazzurri si troveranno sotto le scarpe domenica al Mapei Stadium di Reggio Emilia. Prima torelli, poi tanta corsa e infine partitelle sei contro sei in trequarti di campo, sotto gli occhi vigili di mister Semplici.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0