L’esercito degli Ex: pioggia di gol in serie B e C, a segno anche Finotto e Strefezza

Weekend ricco di soddisfazioni per i tanti ex spallini sparsi per tutte le categorie della Penisola. Eccezion fatta per chi gira i campi di A. E’ infatti amaro il boccone che Sergio Pellissier ha dovuto mandare giù nel derby perso contro l’Hellas e ora il suo Chievo è invischiato più che mai nella lotta per non retrocedere in B. Solo panchina, invece, per gli atalantini Rizzo e Gollini, mentre Bonifazi conta di rientrare a fine marzo dall’infortunio che lo sta tenendo ai margini del Torino di Mazzarri.

Cambia totalmente la musica in Serie B, dove a guidare la truppa dei goleador è Alberto Cerri, che firma la prima rete del suo Perugia sul Foggia (2-0 il finale) e vola a quota 10 gol in campionato. Anche Paolo Ghiglione dà una mano alla Pro Vercelli trovando la rete nel 2-2 a Bari. Bell’acuto di Finotto, lanciato dall’inizio in uno dei tanti derby tra ex in cadetteria, Spezia-Ternana: con il solo Ceccaroni titolare, Mora (e Ferretti tra i rossoverdi) spedito in campo solamente a partita in corso e Giani e Gasparetto in panchina per tutti i novanta minuti, l’ex attaccante della SPAL ha aperto le marcature per la sua squadra, che in Liguria ha strappato un buon punto in ottica salvezza. Sconfitta pesante per il Frosinone di Beghetto a Palermo, mentre Arini e la Cremonese non vanno oltre l’1-1 casalingo contro il Cittadella e restano a tre punti dalla zona play-off. Chi esulta a pieni polmoni è Michele Castagnetti, come sempre inamovibile nel centrocampo dell’Empoli. Senza andare a segno, il regista ha dato una mano alla sua squadra a battere la Virtus Entella di Cremonesi, e nel concitato finale Andreazzoli ha dato spazio persino a Polvani con l’unico obiettivo di proteggere il prezioso vantaggio.

In Serie C girone A giornata da ricordare per Picchi e per la sua Pistoiese, che ha strapazzato per 3-0 il Pontedera di Contini, Gigio Grassi e Posocco. L’ex centrocampista di Empoli e SPAL ha messo a segno la terza marcatura della sua squadra. 1-1 d’alta classifica, invece, tra Pisa e Alessandria, con i toscani raggiunti al 95′ da una rete di Marconi. Decisivo il suo ingresso a gara in corso. Meno efficaci, invece, Di Quinzio e De Vitis, titolari nell’undici nerazzurro ma a bocca asciutta e con una grossa delusione da digerire. Nel girone B poche gioie, anzi, praticamente zero. Solo Berrettoni segna nella sconfitta del Pordenone a Mestre per 4-3, mentre Arma e Bracaletti non incidono nel pareggio a reti inviolate tra Triestina e Vicenza. Menzione per Giovanni Rossi, titolarissimo nel colpaccio del Ravenna in casa dell’Albinoleffe di Zaffagnini. Festa grande per Strefezza nel girone C. A Castellammare, infatti, la Juve Stabia demolisce 7-0 l’Akragas e sul tabellino dei marcatori è finito pure il giovane proveniente dalla Primavera spallina. Ad esultare con lui anche Branduani e Nava, titolari contro i siciliani. Il Trapani di Silvestri e Murano sbanca Catanzaro (Spighi entra nella ripresa, Nordi titolare tra i pali calabresi) e rosicchia due punti al Lecce capolista, fermato in casa sullo 0-0 dal Matera.

Chiude la finestra sugli ex la una Serie D senza acuti singoli e con qualche passo falso di troppo da parte delle big. Tra queste stecca il Como di Gentile e Meloni, che nel girone A perde in casa del Casale di Cintoi e fallisce il sorpasso al vertice sul Gozzano. Nel B pesante stop per la capolista Rezzato (Cazzamalli in campo dal 52′), mentre nel girone D l’Imolese di mister Gadda batte allo scadere la Correggese di Landi, Sereni e Vecchi e si lancia all’inseguimento del Rimini di Capellupo, titolare nell’1-1 in casa della Colligiana. Chiusura per Falomi, che non segna ma gioca 75′ nel 4-1 rifilato dalla Recanatese al Campobasso a domicilio.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0