L’orgoglio di Colombarini: Soddisfazione straordinaria quando tutti ci davano per spacciati

Il patron Simone Colombarini esprime grande soddisfazione per il risultato ottenuto e la prestazione fornita dalla SPAL al cospetto della Juventus capolista.

“Credo che oggi, per portare a casa un punto, occorresse la prestazione perfetta. Ci siamo riusciti. I giocatori hanno dato tutto. Hanno speso tutte le energie che avevano e hanno imbrigliato il gioco della Juventus concedendo pochissimo, forse solo un tiro in porta. Noi non abbiamo fatto tantissimo in avanti, ma contro la Juventus non si poteva sperare di più. Questo punto è oro dal punto di vista della classifica, del morale e deve darci tanta fiducia per le prossime partite. Siamo stati bravissimi a tenere la Juventus lontana dalla nostra area e quando hanno provato qualche cross o tiro non sono mai stati pericolosi. È da elogiare tutta la squadra per lo spirito e la grinta messi in campo. Schiattarella? Oggi è difficile trovare un giocatore che non abbia fatto una grande prestazione in tutti i reparti. Nella fase difensiva siamo stati perfetti anche grazie all’aiuto degli attaccanti e poi in contropiede abbiamo fatto tenere alta l’allerta alla Juventus. Nel secondo tempo, hanno spinto di più, ma siamo stati bravissimi a chiudere tutti gli spazi. Schiattarella può sembrare in questo momento il leader del centrocampo, ma oggi tutti hanno fatto una grandissima prestazione. Abbiamo giocato da squadra, da squadra di serie A, questo grazie all’unità del gruppo, all’apporto dei nuovi e soprattutto alla forza che abbiamo trovato dentro di noi. Abbiamo capito che giocando in un determinato modo possiamo mettere in difficoltà chiunque e oggi l’abbiamo dimostrato. Con quattro risultati utili consecutivi, la classifica non è quella di qualche settimana fa. Questa partita ci insegna che lottando come abbiamo fatto possiamo ottenere risultati con chiunque. Diversamente, rischiamo di perdere con squadre alla nostra portata. Giocando così ne vinceremo tante così da raggiungere il nostro obiettivo. Quella di stasera è una soddisfazione incredibile, perché alla vigilia ci davano tutti per spacciati. Noi credevamo in un’ottima prestazione. La filosofia di squadra è quella di provare a giocarla e non va cambiata, oggi di palloni scaraventati in tribuna non ne abbiamo visti. Abbiamo imparato a fare bene la fase difensiva e non ci siamo risparmiati quando avevamo noi il pallone. Forse abbiamo imparato dai nostri errori. Il pubblico? Contentissimo di aver regalato questa prestazione e risultato ai nostri tifosi. Sapevamo del tutto esaurito. Avrei preferito chiudere la biglietteria finché avevamo la prelazione aperta per i possessori della tessera del tifoso, dispiace vedere che forse gli ultimi mille biglietti sono stati acquistati da ferraresi, ma tifosi juventini. Spero si siano ricreduti e che tutti i nostri tifosi ci seguano in massa anche nelle prossime trasferte. Queste sono prestazioni che avvicinano i tifosi. Ho visto tanti bambini. Stiamo lavorando bene  e ogni ferrarese deve sentirsi la SPAL come la sua squadra”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0