Per Pescara una gita o poco più: Krifi col pilota automatico, si torna alla vittoria in casa

Tutto facile per la Krifi Caffè 4 Torri Volley, che domenica sera è tornata a vincere in casa chiudendo i conti in tre set contro la Gada Group di Pescara. Il dominio dei granata non è mai stato messo in discussione, complici la prestazione decisamente sottotono degli avversari ed il giusto approccio dei padroni di casa al primo set.

Coach Martinelli lascia spazio fin dal primo minuto a chi spesso in campionato si è dovuto accontentare delle briciole: scendono in campo Trimurti e Bortolato in banda, Casaro opposto, Vanini al palleggio, Smanio e Bragatto al centro, Poli libero. La Krifi stabilisce le gerarchie di campo fin dal primo punto: Pescara chiama il time out discrezionale sul 6-2 dopo tre punti di Casaro, un pallonetto di Trimurti ed un ace di Bortolato. Nessuna variazione sul tema nel prosieguo, con i ferraresi che macinano punti e risultano efficaci in tutti i fondamentali. Onore al merito di Trimurti, top scorer di giornata con tredici punti e convincente in attacco su ogni palla. Sul finale, quando la Krifi naviga già a nove lunghezze di vantaggio, Martinelli inserisce in campo anche Biondi e Grazzi per Casaro e Vanini. Chiude Grazzi in attacco sul 25-15.

Al rientro Pescara prova a reagire con Berruti a muro e De Leo in attacco, ma la Krifi non ha intenzione di perdere il dominio del campo di casa. Casaro mette giù un paio di palloni importanti in attacco e Smanio realizza l’ace del sorpasso sul 7-6. i Granata prendono il largo sulla metà set, costringendo ancora una volta il tecnico abruzzese al tempo discrezionale (13-9). Pescara, nuovamente in difficoltà, fatica a mantenere la concentrazione: la Krifi ne approfitta ed allunga. Grazzi e Biondi tornano in campo per la seconda volta guadagnandosi gli applausi del pubblico, ma a chiudere il set ci pensa Matteo Trimurti con un ace sul 25-19.

Nel terzo set la fatica comincia a farsi sentire. I granata risultano più fallosi, meno precisi in battuta ed in attacco. Pescara fa quel che può, ma il risultato è ormai compromesso. Dopo una partenza in leggero vantaggio per gli avversari, la Krifi torna al comando ma non riesce a prendere le distanze. Sulla metà set arriva anche l’ace di Bragatto (17-15): coach Colella chiama i suoi ragazzi in panchina, per provare a spronarli e convincerli a tentare il tutto per tutto, ma le energie non bastano. La Krifi chiude poco dopo con un attacco dal centro di Bragatto sul 25-22.

Krifi Caffè 4 Torri Volley 3 – Gada Group Pescara 0
Risultati parziali:
25-15, 25-19, 25-22.
Tabellino: Trimurti 13, Bortolato 12, Grazzi 10, Casaro 9, Smanio 8, Bragatto 4, Vanini 1, Biondi, Poli (L).

Post partita

In una partita dal coefficiente di difficoltà non proprio alto, Marco Martinelli ha speso buone parole per tutti i suoi ragazzi, senza dimenticare di sottolineare gli errori commessi nel terzo set: “Ho approfittato di questa partita contro una squadra demotivata e con alcuni limiti tecnici per dare spazio a chi ha giocato meno in campionato. Trimurti ha fatto una buonissima partita, Grazzi e Bragatto hanno mostrato buone cose anche se devono migliorare dal punto di vista della continuità. Bortolato rimane in campo perché ha raggiunto una buona condizione fisica e voglio che la mantenga. Nell’ultimo set abbiamo commesso molti più errori, regalando metà dei 22 punti totalizzati dagli avversari. Su questo dovremo migliorare, perché in partite come questa può anche non essere un grosso problema, ma contro altre squadre si rischia di perdere il set”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0