Le vecchie scarpe diventano gomma per parchi giochi col progetto del Centro IDEA

Nella giornata di martedì, presso la Sala degli Arazzi del Municipio di Ferrara, il tecnico biancazzurro Leonardo Semplici ha presenziato in qualità di testimonial alla presentazione del progetto Le tue scarpe al Centro, promosso dal Centro IDEA del Comune di Ferrara in collaborazione con l’Assessorato dello Sport, rappresentato in dall’assessore allo sport Simone Merli.

Ad aprire le presentazioni la responsabile del progetto Betta Martinelli: “Le parole chiave di questa iniziativa sono sostenibilità ambientale e solidarietà. Il nostro obiettivo è quello di raccogliere in 14 contenitori disposti in diversi punti della città scarpe da tennis e infradito (gomma e non plastica rigida) che verranno riciclate per la pavimentazione dei parchi giochi per bambini. In più verranno destinati anche al comune di Amandola nelle Marche (in provincia di Fermo), gemellato con Ferrara e colpito dal terremoto. Vogliamo dare una rappresentazione di economia circolare. Conosciamo la disponibilità dei ferraresi e confidiamo in loro”.

Parola che passa dunque all’assessore Simone Merli: “Stiamo portando avanti un percorso politico-culturale in cui si fondono sport e mondo circostante. Le palestre sono un luogo accogliente per gente di tutte le età e lo sport fa cose che non si rende conto di poter fare a livello sociale. Ringrazio Leonardo per essersi reso disponibile perché è una figura significativa per la gente, un simbolo positivo di questa città a prescindere dallo sport. Ribadisco quanto sia importante comunicare un fatto di sostenibilità”. A chiudere Leonardo Semplici, testimone d’onore: “Sono onorato di essere qui e ringrazio per l’invito. E’ un’iniziativa che mi riempie d’orgoglio. Auguro che la cosa si svolga nel migliore dei modi e invito gli sportivi a donare le loro scarpe vecchie per quella che è una buona causa”. A livello tecnico il progetto si estende non solo agli “sportivi” ma a tutti i cittadini. Hera, da tutti ringraziata, si è impegnata a posizionare contenitori riconoscibili dal logo arancio vicino alle principali palestre della città.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0