Semaforo giallo: Costa e Lazzari in diffida mentre scarseggiano le alternative sulle corsie

In questo infuocato finale di stagione la SPAL dovrà inevitabilmente tenere un occhio anche al fronte delle diffide e delle squalifiche. Alle porte c’è una settimana da tre partite (Fiorentina, Chievo e Roma) e la squadra di Semplici ci arriva con altrettanti giocatori a rischio. Le situazioni più preoccupanti riguardano le diffide di Lazzari e Costa, gli esterni titolari dell’undici biancazzurro, e Salamon che si porta dietro da febbraio il pericolo di squalifica.

Sostituire Lazzari in particolare potrebbe essere un problema. Il numero 29 non ha saltato una singola partita di questo campionato, tanto da essere terzo nella classifica della serie A per minuti giocati, almeno tra i giocatori di movimento. Lazzari è rimasto in campo per 2.949 minuti, davanti a lui ci sono solo Skriniar (Inter, 2.950) e Acerbi (Sassuolo, 2.975). Il secondo biancazzurro per minutaggio, giusto per dare un’idea, è Vicari a quota 2.368 (dati WyScout). Anche Costa si sta rivelando particolarmente prezioso in questo frangente della stagione dopo aver recuperato da problema muscolare che gli ha fatto saltare l’ultima parte del 2017. Il mancino ex Chievo ha giocato le ultime quattro da titolare, facendo vedere una buona condizione.
Il problema è che le alternative, almeno al momento, scarseggiano: Mattiello e Dramé sono ancora alle prese con i recuperi dai rispettivi acciacchi (solo differenziato per entrambi martedì), rendendo così Pa Konate (124 minuti in due partite di Tim Cup) l’unico arruolabile tra gli esterni di ruolo.

LA SITUAZIONE DISCIPLINARE
4 ammonizioni (in diffida) Salamon, Costa, Lazzari
3 ammonizioni Schiavon, Viviani*, Cionek
2 ammonizioni Paloschi, Grassi
1 ammonizioni Borriello*, Vaisanen, Simic, Vicari, Felipe*, Mattiello, Antenucci, Schiattarella**, Everton, Kurtic*
(con l’asterisco sono contrassegnati i giocatori che hanno già scontato un turno di squalifica per somma di ammonizioni)

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0