Andamento lento, Bonazzoli: Il clima resta sereno. Grassi: Possiamo fare meglio in attacco

E’ Federico Bonazzoli il primo a presentarsi in zona mista dopo il pareggio per 0-0 contro il Chievo Verona. Era dalla terza giornata del girone di ritorno che non lo si vedeva in campo, sembrava essere sparito completamente dai radar, ma Leonardo Semplici lo ha rispolverato questa sera con gli scaligeri e lui ha risposto presente, così come Alberto Grassi, rientrato dopo l’infortunio al ginocchio che lo ha costretto a saltare la trasferta di Firenze.

FEDERICO BONAZZOLI
“Sono contento di aver giocato, l’importante è farmi trovare pronto nel momento in cui il mister decide di chiamarmi in causa. La SPAL poi ha un parco attaccanti importante. Il pareggio col Chievo? Bisognava portare punti a casa e restare uniti, il clima nello spogliatoio è sicuramente sereno. Il Crotone ha pareggiato con la Juventus? Non dobbiamo guardare alle altre ma solamente a noi stessi. Veniamo da otto risultati utili consecutivi e non possiamo essere dispiaciuti per non aver vinto, ma quando non si riesce a vincere bisogna anche saper non perdere. Un calo nel secondo tempo? Quando si gioca tre volte in una settimana è tutto più complicato ma non piangiamoci addosso, è comunque un punto positivo. Ora pensiamo alla Roma, giocare contro una squadra così importante è sempre stimolante e proveremo a portare a casa un risultato che ci consenta di muovere la classifica”.

ALBERTO GRASSI
“Potevamo far meglio, soprattutto nella ripresa, ma il Chievo è una squadra esperta e chiudendosi in difesa ci ha complicato le cose. Ma nel complesso la SPAL ha fatto una buona gara. Resta aperta la striscia positiva, ma se ogni tanto non centriamo la vittoria diventa complicato. Però continuiamo a fare prestazioni positive e questo ci dà fiducia. Dobbiamo migliorare nella fase offensiva, ma la difesa è il nostro punto forte. Adesso c’è la Roma prima del doppio confronto con Verona e Benevento. Già sabato dovremo fare una gara perfetta per portare a casa il nostro obiettivo. Il ginocchio? Ha reagito bene, pensavo di poter avvertire qualche problema invece no”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0