Cambio numero nove in serie A: Tudor rimpiazza Oddo a Udine dopo i no di Delneri e Reja

Quello tra Massimo Oddo e Igor Tudor è il nono avvicendamento sul fronte allenatori per la stagione 2017-2018 di serie A. Il croato, ex Juventus da giocatore, è il terzo allenatore stagione di un’Udinese in grave crisi (11 sconfitte di fila), reduce da undici sconfitte consecutive. La scelta di Tudor ha destato una certa sorpresa e curiosamente è legata alle vicende di un paio di ex biancazzurri – Delneri e Reja – e di altri due che avrebbero potuto esserlo.

Delneri (alla SPAL da giocatore dal 1968 al 1972) infatti ha rifiutato di tornare sulla panchina bianconera dopo l’esonero dello scorso novembre, così come un “no” è arrivato da Edi Reja (a Ferrara dal 1962 al 1968) che a Radio Olimpia ha dichiarato: “Ho ricevuto la proposta dell’Udinese, peraltro squadra della mia terra, ma ho rifiutato ringraziando la società friulana. Penso che sia arrivato il momento dei giovani, il calcio lo richiede, io ho già dato“. Non è un mistero che Reja fosse tra gli allenatori individuati dalla SPAL per una potenziale sostituzione di Leonardo Semplici nel momento più buio della stagione, in avvio di 2018. Così come fu esplorata la pista che portava ad Andrea Mandorlini: anche l’ex tecnico dell’Hellas è stato interpellato dall’Udinese, ma ha finito con l’accettare la proposta della Cremonese in serie B. E’ stato presentato martedì e avrà il difficile compito di invertire una rotta preoccupante assunta dal club grigiorosso: l’ultima vittoria risale addirittura al 21 gennaio. A febbraio in chiave SPAL spuntò anche il nome di Francesco Guidolin, altro grande ex bianconero: anche lui però ha declinato la proposta, a confermarlo è stato il dg dell’Udinese Franco Collavino.

Peraltro un piccolo filo lega il nome di Tudor alla SPAL: ai tempi dell’Hajduk Spalato il tecnico croato ha allenato Lorenco Simic, attuale centrale biancazzurro. Lo stesso Simic, nel corso della sua presentazione ufficiale, aveva detto di ispirarsi proprio a Tudor sotto il profilo tecnico.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0