Lunedì di corsa per tutto il gruppo. Lazzari già scatta, si punta al recupero di Schiattarella

Lista dei presenti all’allenamento del lunedì mattina della SPAL: dieci spettatori, cinque giornalisti locali, una troupe di una tv finlandese giunta dal remoto nord per intervistare Sauli Vaisanen. Questo almeno fuori dal campo, perché dentro il rettangolo verde i ranghi erano decisamente più rassicuranti, almeno in termini numerici. C’era soprattutto curiosità per vedere le facce di giocatori e staff all’indomani della bruciante sconfitta di Torino e tutto sommato è parso che regnasse una certa serenità, unita alla consueta serietà tipica dei professionisti.

La notizia più interessante è che Manuel Lazzari corre liberamente e riesce a praticare agevolmente percorsi a ostacoli: da lì si vede tutta la sua volontà di bruciare i tempi di recupero dopo l’infortunio di Verona. Ancora non c’è un pallone da calciare, ma i presupposti per rivederlo anche solo in uno spezzone di SPAL-Sampdoria sembrano esserci. Assente invece Mattiello, anche se si spera di poterlo rivedere nel corso della settimana. Martedì sarà un giorno di riposo, mercoledì i biancazzurri torneranno in campo e probabilmente l’esterno verrà valutato meglio.

Nel frattempo i titolari di Torino si sono cimentati in un lavoro prevalentemente di scarico, senza usare il pallone. Presenti anche Salamon, Cionek ed Everton, nonostante non possano essere a disposizione per l’ultima partita causa squalifica. Schiattarella, impiegato nel quarto d’ora finale dell’Olimpico, ha fatto un lavoro differenziato, così come Viviani. Per il primo sembra esserci un cauto ottimismo, malgrado i postumi della distorsione alla caviglia. Il numero 77 invece si è limitato ad una corsa leggera, segno che il suo rientro non sembra proprio dietro l’angolo.

Ad una parte dell’allenamento hanno assistito anche il ds Vagnati e il dg Gazzoli. Entrambi, a inizio seduta, si sono intrattenuti brevemente in un colloquio con Semplici prima di rientrare nei rispettivi uffici. Vagnati e il mister sono stati entrambi allontanati nel finale di Torino-SPAL dall’arbitro Mariani e ora si attende il comunicato del giudice sportivo per conoscere le eventuali sanzioni.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0