Poche tabelle da fare: serie A sicura in caso di vittoria con la Samp. Con il pari si rischia

Rispetto ad una settimana fa ci sono molti meno calcoli da fare, almeno per la SPAL. Le vittorie esterne di Chievo e Udinese, ma anche l’affermazione del Cagliari a Firenze, lasciano i biancazzurri in una posizione scomodissima a quota 35, ma a differenza del Crotone non c’è l’obbligo di vincere a tutti i costi per poi dipendere dagli altri.

SE LA SPAL BATTE LA SAMPDORIA (38 punti): rimane in serie A, perché anche in caso di vittoria dei calabresi al San Paolo è premiata dagli scontri diretti. (1-1 e 2-3)
SE LA SPAL PAREGGIA CON LA SAMPDORIA (36 punti): deve aspettare buone notizie da Napoli. In caso di pareggio o di sconfitta del Crotone, i biancazzurri rimarrebbero in serie A. In qualunque altro caso sarebbe retrocessione, visto che un arrivo a pari col Cagliari (impegnato in casa con l’Atalanta) favorirebbe i sardi, vincitori di entrambi gli scontri diretti. In caso di arrivo a tre a quota 36 (Cagliari, SPAL, Crotone) sarebbe il Crotone a retrocedere per classifica avulsa.
SE LA SPAL PERDE (35 punti): si salva solo con una contemporanea sconfitta del Crotone a Napoli. Qualunque altro risultato la condannerebbe.

Paradossalmente, la vittoria del Cagliari sulla Fiorentina ha semplificato il quadro della classifica avulsa per la SPAL. Infatti non ci sono più casi che vedrebbero i biancazzurri condannati alla B in caso di arrivo a pari punti di tre o più squadre.

Arrivo a pari punti tra Cagliari, SPAL e Crotone: retrocessione del Crotone
Arrivo a pari punti tra Chievo, SPAL e Crotone: retrocessione del Crotone
Arrivo a pari punti tra Udinese, SPAL e Crotone: retrocessione del Crotone
Arrivo a pari punti tra Chievo, Udinese, SPAL e Crotone: retrocessione dell’Udinese

Nel prossimo turno (domenica 20 maggio, ore 18) sono previste:
* SPAL-Sampdoria
* Napoli-Crotone
* Cagliari-Atalanta
* Chievo-Benevento
* Udinese-Bologna

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0