Sempre in campo senza bisogno di giocare: anche la SPAL usa un tunnel Giulio Barbieri

Giulio Barbieri non si è mai tolto lo sfizio di farlo, ma se un giorno dovesse collocare su una mappa una bandierina per ciascun paese in cui ha esportato un suo prodotto, dovrebbe munirsi di parecchie bandierine. Si accontenta di sapere che i suoi gazebo e i suoi tunnel in pvc sono davvero in tutto il mondo, compreso lo stadio Paolo Mazza di Ferrara.

Anche nello stadio cittadino, come avviene in centinaia di altri impianti sportivi, l’ultimo tratto che i giocatori percorrono dopo aver lasciato gli spogliatoi è coperto proprio da un tunnel della Giulio Barbieri: “E non poteva essere altrimenti, – dice lui con un certo orgoglio – per me era quasi un dovere morale essere nella mia città, con la SPAL nella massima serie“. Squadre in tutto il mondo (l’80% in Europa) entrano in campo attraverso tunnel di produzione ferrarese, ma per Barbieri c’è anche la soddisfazione di vedere il proprio marchio stampato sulla copertura di una delle due panchine del Mazza, oltre che esposto in altri punti dello stadio: “Il campionato italiano non se la passerà benissimo, ma è visto dappertutto e tenuto in considerazione quanto quello inglese o quello spagnolo. Per cui sponsorizzare la SPAL ci permette di avere ulteriore visibilità all’estero per il nostro brand, vista la nostra vocazione all’export. Clienti da ogni parte del mondo mi hanno riferito di aver visto il brand in qualche partita della SPAL ed è una bella soddisfazione. Ci ha aiutato parecchio anche Lazzari: grazie alle sue continue discese sulla fascia destra, sul lato della tribuna, ha fatto inquadrare la copertura della panchina decine e decine di volte (ride)“.

Lo sport resta a prescindere una delle passioni di Giulio Barbieri: tra la fine degli anni Novanta e gli inizi dei Duemila fu il principale promotore della rinascita del volley a Ferrara, riportando la 4 Torri in serie A1 con relativo ingaggio di giocatori di alto profilo, tanto da far pensare anche ad uno sbarco imminente nel mondo SPAL in un momento storico non proprio entusiasmante per la società biancazzurra. “Un reale invito per un coinvolgimento non ci fu mai, solo qualche battuta, ma l’amministrazione comunale percorse altre strade. Non è un rimpianto. Per fortuna della città nel 2013 sono arrivati i Colombarini: le classiche persone giuste, al momento giusto, con l’azienda giusta. I risultati sono sotto gli occhi di tutti e penso che il loro lavoro sia apprezzato davvero da tutti, addetti ai lavori e non, anche per il rapporto che sono riusciti a creare con la città“.

Resta da stabilire se questa rinnovata brillantezza acquisita col ritorno della SPAL in serie A possa effettivamente portare benefici economici al territorio. Barbieri, che è stato anche candidato sindaco di Ferrara, pensa di sì, ma solo ad alcune condizioni: “Avere una squadra di calcio in serie A può senz’altro creare opportunità economiche, a patto che la città sappia capire quali sono i bisogni della popolazione e dei visitatori. Non è un processo automatico, serve la capacità di fare squadra, trovare soluzioni condivise e quindi cavalcare quest’onda straordinaria. Ma per farlo servono idee ed energie, invece spesso e volentieri si guarda agli altri e ci si limita a parlare. Da questo punto di vista Ferrara può e deve crescere molto, altrimenti non riuscirà ad agganciare questa opportunità per davvero. Già il fatto che se ne parli è tendenzialmente positivo, ma misurare la soddisfazione della città non è così facile“.

IL PROFILO DELL’AZIENDA
Fondata nel 1990, la società Giulio Barbieri S.r.l. vanta la realizzazione dei primi modelli al mondo di gazebo in alluminio e tunnel estensibili, diventando in breve tempo azienda leader nel commercio di strutture modulari in alluminio. La produzione si è evoluta nel tempo con soluzioni innovative e nuove tipologie di prodotto come i capannoni industriali, i pergolati e le pensiline autoportanti su basi d’appoggio in cemento. Nel corso del tempo la Giulio Barbieri S.r.l. ha ottenuto la fiducia di importanti e prestigiosi committenti, tra i quali si possono annoverare il Festival di Cannes, il Power Boat P1, la regata Barcolana di Trieste, il trofeo Abarth 500, diversi importanti team della Moto GP, il Campionato Mondiale di Calcio 2010 disputato in Sudafrica, e molti altri ancora.

LINK: il sito ufficiale della Giulio Barbieri S.r.l.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0