Toccherà a Di Bello dirigere SPAL-Sampdoria. Nella sua carriera un solo incrocio con i biancazzurri

Il designatore Nicola Rizzoli ha scelto il brindisino Marco Di Bello come arbitro di SPAL-Sampdoria in programma domenica. Classe 1981, Di Bello fa parte dell’organico della CAN A dal 2014 e da gennaio 2018 è arbitro internazionale. Ha all’attivo 73 direzioni in serie A e 53 in serie B. Nel corso della sua carriera ha incrociato solo una volta il suo percorso con la SPAL, nell’ormai lontano 2010 in Lega Pro. Accadde in occasione di Sudtirol-SPAL 0-2, partita decisa dai gol di Cipriani e Meloni. In panchina sedeva Egidio Notaristefano.

In questa stagione Di Bello ha arbitrato 15 match di serie A, senza mai incrociare nemmeno la Sampdoria. Tra i più importanti senz’altro Fiorentina-Roma della 12^ giornata e Milan-Inter della 27^. Domenica sarà assistito dai guardalinee Tonolini e La Rocca e dal quarto uomo Ros. Al VAR siederanno Manganiello e Longo. Il nome di Manganiello può ricordare qualcosa: nella scorsa stagione arbitrò SPAL-Frosinone 0-2, ma fu anche il direttore di Ternana-SPAL 2-1 del 13 maggio 2017.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0