Venti minuti per raccontare la SPAL dall’interno: svelato il video degli studenti dell’Einaudi

Martedì mattina, nella sala stampa del centro GB Fabbri, i ragazzi dello StudenTG dell’istituto Luigi Einaudi hanno tolto il velo al progetto multimediale-didattico realizzato in collaborazione con la SPAL. Sette giornalisti in erba, coordinati dal professor Benedetti, si sono insinuati nelle pieghe più nascoste del mondo biancazzurro e in tutto ciò che lo circonda, intervistando addetti ai lavori e tesserati, dal presidente Mattioli a mister Semplici, passando per fotografi e colleghi della stampa e operatori impegnati sul campo nel giorno della partita. Un’organizzazione capillare che i più non conoscono, ma che questi ragazzi hanno saputo presentare con simpatia e impegno, come come conferma il video svelato in anteprima.

Alla conferenza ha preso parte anche Walter Mattioli, entusiasta di aver promosso e fatto parte di questo progetto: “Dall’arrivo di questa proprietà a Ferrara uno degli obiettivi primari della SPAL è stato quello di coinvolgere quante più persone e realtà possibili nella nostra avventura. Vogliamo come sempre essere a disposizione di tutti e di tutte quelle che sono le associazioni, in particolar modo le scuole. La proposta ricevuta mi ha fatto piacere, si tratta di un lavoro particolare e interessantissimo perché i ragazzi sono andati a cercare tra le righe determinate situazioni. La gente conosce meno del 25% di quello che c’è dietro ad una società di Serie A, credetemi. Ci sono tante particolarità, tante problematiche, e tutto quello che succede c’è chi lo vive serenamente, chi in maniera più agitata. Sono curioso di vedere cosa sono riusciti a fare questi ragazzi e vederli lavorare con cosi tanta passione credo sia un bellissimo segnale. L’impegno serve sempre, io sono l’unico presidente ad aver fatto la scalata dalla terza categoria alla Serie A e quando alla famiglia Colombarini dissi che mi sarebbero serviti al massimo tre anni di C per salire al piano superiore mi avevano dato del matto. Battute a parte, la passione sta alla base di tutto e quando ho visto la minima possibilità di promozione in A l’abbiamo colta al balzo. Sono pronto a firmare quello che serve per i crediti formativi di questi giovani”.

A fare gli onori di casa e ad illustrare il progetto è stato Enrico Menegatti, responsabile dell’ufficio stampa della SPAL: “E’ un’iniziativa lanciata da StudenTG dell’istituto Einaudi per testimoniare l’affetto dei tifosi nei confronti della SPAL e il lavoro dietro le quinte nel giorno della partita, dal campo o dietro le quinte. Gli studenti hanno approfondito questo discorso, sono venuti una mattina per osservare quello che a noi sembra scontato, ma che per la stragrande maggioranza delle persone è una novità. Hanno fatto interviste a giocatori, a dirigenti e anche a chi sta nell’ombra. Hanno reso nel migliore dei modi questa idea di SPAL da fuori. E’ un bel modo di interconnessione con il tessuto sociale e scolastico perché quest’iniziativa vale come percorso didattico multimediale ed è legato anche al giornalismo per via delle sue componenti creative e di investigazione“.

Ad accompagnare gli studenti in questo percorso è stato il professor Pietro Benedetti, che ha un passato da fotoreporter:  “Provengo dal mondo professionale e penso che l’operazione più difficile fosse mettersi in gioco e creare un mix tra lavoro reale e futuro, ovvero lavoro professionale e studio di questo lavoro. Mettere dei ragazzi in una realtà di Serie A, dove ci sono poteri economici e tanti altri fattori è molto complicato. L’operazione più bella è stata quella di metterci in gioco studiando quello che nessuno può dare per scontato, ovvero il lavoro di chi sta dietro ad una macchina come una squadra di Serie A. Abbiamo cercato di dare voce a chi tiene in piedi questo grande teatro, dai dirigenti a chi fa anche solo catering. E’ un modo per metterci alla prova in un campo molto particolare. Ringrazio tutti per questa fiducia accordata, ma ci sentiamo sotto esame“.

Questi i nomi dei ragazzi che hanno partecipato al progetto: Federico Lanzani, Vivian Tugnoli, Veronica Vitali, Francesco Forni, Mattia Sangiorgi, Samuel Mereu e Alessia Mennella.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0