La colonia polacca potrebbe allargarsi: la SPAL tiene d’occhio l’esterno sinistro Reca

La colonia polacca a Ferrara potrebbe essere allargata nel caso la SPAL decidesse di approfondire ulteriormente il profilo del laterale sinistro Arkadiusz RecaDirettamente dalla Polonia rimbalzano voci di un interessamento del club biancazzurro nei confronti di questo giocatore classe 1995, esterno mancino polivalente in forza al Wisla Plock, formazione che si è classificata al quinto posto del Championship Round di Ekstraklasa, vinto domenica scorsa dal Legia Varsavia. Stando alla stampa locale, alcuni osservatori del club biancazzurro si sarebbero recati a Bialystok per assistere al match tra Jagiellonia e Wisla per visionare da vicino il velocissimo 23enne, nell’occasione impiegato nel ruolo di ala sinistra (2-1 il finale con un suo assist per l’unico gol segnato dagli ospiti).

Descritto anche come terzino in una linea di difesa a quattro, Reca (1.87 d’altezza) è indicato come uno dei giocatori più veloci del campionato polacco e su di lui sarebbe forte non solo l’interessamento della SPAL, ma anche di squadre della Primera Division spagnola, oltre che del Legia, fresco vincitore del suo tredicesimo scudetto. Il suo procuratore ha ammesso che la priorità del giocatore è quella di trasferirsi in uno dei maggiori campionati europei, obiettivo non impossibile visto l’ottimo rendimento stagionale: 33 le presenze con la maglia del Wisla Plock, condite da 3 gol e 6 assist. La sua società di appartenenza avrebbe fissato il prezzo del cartellino ad 1 milione di euro, cifra tutt’altro che inaccessibile. Ammesso e non concesso che su di lui non si scateni un’asta al rialzo. Il suo contratto scadrà nel 2020.

Se la SPAL decidesse di affondare il colpo per portarlo a Ferrara porterebbe a quota tre il numero di polacchi in rosa, vista la presenza di Thiago Cionek e quella di Bartosz Salamon, riscattato automaticamente dal Cagliari dopo il conseguimento della salvezza in serie A.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0