L’Atalanta fa la voce grossa: preso Reca per 4 milioni di euro, era un obiettivo della SPAL

L’esterno sinistro Arkadiusz Reca si trasferirà in Italia dai polacchi del Wisla Plock, ma non lo farà alla SPAL. Il futuro del classe 1995 è a Bergamo, visto che negli ultimi giorni l’Atalanta ha sbaragliato l’intera concorrenza, mettendo sul piatto una cifra che i colleghi di Przegląd Sportowy (l’equivalente polacco de la Gazzetta dello Sport) stimano in 4 milioni di euro. Valutazione che ovviamente ha guastato i piani della SPAL, fino ad una decina di giorni fa indicata come la pretendente più accreditata. Si era parlato di un’offerta pari ad un milione di euro da parte dei biancazzurri.

Posso confermare l’accordo con l’Atalanta” ha detto il presidente del Wisla Plock,  Jacek Kruszewski, proprio a Przegląd Sportowy. “Non rivelerò il costo del trasferimento, ma devo ammettere che si tratta della cessione più remunerativa dell’intera storia del nostro club, un record assoluto. Gli osservatori dell’Atalanta sono venuti spesso alle nostre partite e le trattative sono durate alcune settimane. Le proposte di Legia Varsavia e SPAL sono state superate diverse volte. Per noi si tratta di un trasferimento straordinario ed un grande successo. Ci siamo anche assicurati una percentuale sulle future rivendite di Ark. Pensiamo che l’Atalanta sia un’ottima destinazione per la sua crescita“.

Stando a quanto dichiarato dal procuratore di Reca, Marcin Kubacki, il giocatore sosterrà le visite mediche già venerdì e poi firmerà un contratto con i nerazzurri.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0