Radiomercato SPAL del 12 giugno: il punto ragionato sulle voci delle ultime 24 ore

Il primo di luglio, giorno di apertura ufficiale del calciomercato estivo 2018, si avvicina rapidamente e non c’è da sorprendersi se le indiscrezioni sui trasferimenti iniziano a moltiplicarsi. Verificare tutto richiede tempo, ma anche leggere cento link (di cui molti con notizie di seconda e terza mano) può essere frustrante. Così abbiamo deciso di offrire ai nostri lettori una rapida panoramica quotidiana sulle voci delle 24 ore precedenti, disseminate tra le decine di fonti che stanno riportando notizie di mercato. Questo non implica necessariamente la loro veridicità, ma può aiutare a tenere d’occhio eventuali sviluppi.

ALBERTO GRASSI (centrocampista, 1995, Napoli)
Continua a far rumore il nome del centrocampista di Lumezzane e ormai circolano le voci più disparate. A fronte del cauto ottimismo che filtra da casa SPAL in merito al possibile riscatto, vanno registrate anche indicazioni che vanno nella direzione opposta. Per esempio quella lanciata da Alfredo Pedullà di Sportitalia, che inserisce anche Cagliari e Sassuolo tra le pretendenti del classe 1995. I neroverdi sono senz’altro più ricchi e probabilmente non avrebbero problemi a pagare gli otto milioni chiesti dal Napoli. Resta da capire come la pensa il giocatore, che nel 352 di Semplici è parso a proprio agio.

VANJA MILINKOVIC-SAVIC (portiere, 1997, Torino)
Quando tutto sembrava apparecchiato per l’arrivo di Scuffet dall’Udinese, ecco che è arrivata questa indiscrezione lanciata da Gianluca Di Marzio. Mentre il fratello Sergej (Lazio) è conteso da tutte le grandi d’Europa, ecco che il fratello più piccolo (solo anagraficamente, visto che è alto 202 centimetri) potrebbe approdare a Ferrara per giocarsi il posto con Alfred Gomis. Si parla di un prestito con diritto di riscatto, analogamente a quanto s’era detto per Scuffet. Milinkovic-Savic ha fatto parlare di sé soprattutto per la sua disinvoltura sui calci di punizione.

FEDERICO VIVIANI (centrocampista, 1992, Hellas Verona)
Il riscatto dai gialloblù sembrava una semplice formalità, invece i tempi si stanno allungando e l’imminente arrivo di Valdifiori di certo non ha l’aria di essere un segnale confortante. Il termine del 20 giugno è ancora lontano, intanto Tuttomercatoweb parla di “riscatto complicato”, segnalando tra le pretendenti Bologna, Fiorentina e Sampdoria.

ALESSANDRO BASTONI (difensore, 1999, Inter)
Si tratta di uno dei tanti ragazzi di talento sfornati dal settore giovanile dell’Atalanta. Nell’agosto 2017 l’Inter se lo aggiudicò per 8 milioni di euro, prevedendo di lasciarlo a Bergamo per altre due stagioni. Tuttavia, stando a quanto riporta Fabrizio Romano di Sky Sport, l’Inter riporterebbe Bastoni a Milano nell’ambito dell’operazione che riguarda il giovane Bettella (2000). Sempre secondo questa indiscrezione, l’Atalanta pagherebbe 7 milioni per il difensore della Primavera di Vecchi. Alla SPAL il ragazzo piace parecchio, ma ci sarà senz’altro concorrenza. Romano inserisce il Sassuolo tra le squadre interessate. Bastoni è assistito dalla TMP Soccer di Tullio Tinti, società che cura gli interessi – tra gli altri – anche di Paloschi e Bonazzoli.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0