Il nuovo Kleb di D’Auria ai nastri di partenza: Ripartiamo da Bonacina e da un progetto serio

Nella cornice della Sala dell’Arengo del Comune di Ferrara si è svolta la presentazione dei nuovi vertici societari del Kleb Basket Ferrara, dopo sette anni orfano di Fabio Bulgarelli ma già pronto a ripartire dalla figura di Francesco D’Auria, giovane imprenditore a capo dell’azienda bolognese MF Impianti che diventerà il proprietario del club estense. Al suo fianco l’avvocato Marco Cocchi, che continuerà a rivestire il ruolo di vice-presidente. Le altre due new entry sono invece Luigi Moretti, presidente della 4 Torri, che nell’ultimo periodo è stato di grande aiuto nel reperimento delle risorse necessarie per permettere al Kleb la prosecuzione dell’attività, e Marco Miozzi, uomo di fiducia di D’Auria che si occuperà delle finanze della società.

A prendere per primo la parola è stato però il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani, che ha voluto fare i suoi auguri al nuovo corso del Kleb senza però dimenticare i ringraziamenti verso l’ex presidente Bulgarelli: “L’arrivo di D’Auria e dei suoi collaboratori contribuisce ad irrobustire la posizione del basket ferrarese, anche se sarà un passaggio di consegne non totale ma comunque significativo. Permane l’impegno di Bondi come main sponsor, un segno di continuità. Ringrazio l’ingegner Bulgarelli per ciò che ha fatto in questi sette anni nei quali ha assicurato al basket della nostra città stagioni di ottima qualità”.

La figura di Marco Cocchi rappresenta sicuramente la continuità in casa Kleb: in società già da diversi anni, ricoprirà il ruolo di vice-presidente anche l’anno prossimo. “Il passaggio formale delle quote di maggioranza avverrà venerdì a Bologna. Bulgarelli rimarrà comunque socio, il che ci consentirà di disporre di altre risorse economiche. Accanto alla vecchia proprietà – ribadisce Cocchi – ce ne sarà una nuova, che ha tanta voglia di farsi conoscere. Venti giorni fa non eravamo sicuri di assicurare un futuro al basket ferrarese, ma con questo nuovo ingresso potremo garantire l’integrità del nostro progetto, che ripartirà dalle conferme del direttore sportivo Alessandro Pasi e di coach Andrea Bonacina”.

Anche il nuovo presidente Francesco D’Auria ha voluto ringraziare Fabio Bulgarelli per l’impegno di questi sette anni: “Se oggi siamo qui è grazie a lui, sia per i risultati raggiunti sia per la promessa mantenuta di aver iscritto la nostra squadra al prossimo campionato di Serie A2. Come ha detto Cocchi abbiamo confermato lo staff tecnico che tanto bene ha fatto nella seconda parte della scorsa stagione, e l’obiettivo è quello di costruire un gruppo di giovani determinati che abbiano la forza di reggere l’urto di un campionato così duro”. Ma il progetto del nuovo Kleb non vuole guardare solo al basket giocato: “Dobbiamo riempire il nostro palazzetto, e rivolgerci in particolare ai bambini e alle famiglie. Il basket estense ha una grande storia, dobbiamo rispettarla e magari riusciremo a diventarne un pezzetto importante. La nostra intenzione è anche quella di aprire uno store in via Garibaldi per poter commercializzare il nostro brand, così da gestire la pallacanestro come una grande azienda che dia i suoi frutti. Certo, i risultati saranno importantissimi”.

Una figura importante in questi mesi è stata quella di Luigi Moretti, presidente della 4 Torri, che diventerà a tutti gli effetti il settore giovanile del Kleb Basket Ferrara: “Ho conosciuto D’Auria a Scafati, in quella meravigliosa serie di ottavi di finale dei play-off. In quell’occasione ci siamo presi l’onere e l’onore di poter garantire un futuro alla nostra palla a spicchi. In questo mese e mezzo abbiamo trascurato le nostre attività per reperire un budget minimo che possa consentire al Kleb di affrontare dignitosamente la prossima stagione. Sono presidente della 4 Torri da trent’anni, e l’opportunità di farla diventare il settore giovanile della prima squadra di basket della città di Ferrara mi riempie d’orgoglio. Partiamo sicuramente con l’obiettivo di salvarci, abbiamo tanta fiducia nel nostro coach, ma il vero traguardo sarà quello di riempire il palazzetto con tutti i bambini delle società cestistiche di Ferrara e provincia”.

Si occuperà delle finanze invece Marco Miozzi, braccio destro di D’Auria già all’interno dell’azienda MF Impianti, che ha voluto spiegare il suo ruolo all’interno della nuova struttura societaria: “Il mio compito sarà quello di rappresentare Ferrara, sono nato qui e conosco molto bene le realtà sportive della nostra città. Vogliamo inserirci nel territorio, e per questo – oltre allo store che avremo in Via Garibaldi 19 – è nostra intenzione aprire un front office di MF Impianti. L’entusiasmo di D’Auria è stato contagioso, è un ragazzo giovane e con tante idee. E’ un ottimo imprenditore e a Ferrara ne abbiamo bisogno”.

L’ultimo ad intervenire è stato l’assessore allo sport Simone Merli, sempre vicino alle vicende del basket di casa nostra: “Il rapporto che ho avuto con Bulgarelli è sempre stato schietto e leale, ed auspico sia lo stesso con la nuova proprietà. Questa città ha circa 1300 bambini che giocano a pallacanestro, e sono contento che l’intento della nuova società sia quello di coinvolgere tutti quanti. In più quest’anno tornerà il derby con Cento, gara particolare e sentitissima da entrambe le parti. Per questo faccio il mio ‘in bocca al lupo’ a Pasi e Bonacina, che già l’anno scorso ci hanno regalato emozioni inaspettate”.

Il prossimo appuntamento del Kleb Ferrara sarà già domani sera, quando D’Auria, Pasi e Bonacina incontreranno i tifosi alla Sagra dello Scottadito, organizzata proprio dalla 4 Torri. Nell’occasione, i supporters avranno l’opportunità di rivolgere le loro prime domande a società e staff tecnico. Per l’occasione sarà anche presentato il nuovo logo, che dovrebbe subire un piccolo restyling rispetto a quello dello scorso anno.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0