La carica di Bonacina: Contento di esserci, Ferrara la mia seconda pelle. Intanto arriva Barbon

A margine della presentazione della nuova compagine societaria del Kleb Basket Ferrara, il confermato coach Andrea Bonacina ha voluto fare il punto della situazione sulle dinamiche di mercato e sulla costruzione del roster della Bondi che verrà: “Per me è una grande soddisfazione rimanere a Ferrara, che ormai rappresenta per me una seconda pelle, e ringrazio vecchia e nuova proprietà per avermi messo al centro del progetto. Abbiamo scelto di ripartire dalle riconferme di uno zoccolo duro di comprovato valore sia tecnico che umano, ovvero dal trio Panni-Molinaro-Fantoni. Tutti e tre hanno qualità importanti, che a noi serviranno come il pane: l’ambizione di Panni, l’esuberanza di Molinaro e il carisma di Fantoni. In più vogliamo dare un’anima giovane e frizzante alla nuova Bondi, abbiamo già annunciato l’arrivo di Mazzoleni e presto ne annunceremo altri”.

Poi alcune indicazioni tattiche: “Sicuramente scommetteremo su un giovane in quintetto, e una volta creata un’ossatura di giocatori italiani, mi siederò ad un tavolo con il ds Pasi e insieme valuteremo dove potranno essere inserite le due pedine americane. Non è un mistero che cerchiamo un lungo, più precisamente nello spot di “4”, ed un esterno che possa garantirci pericolosità dal perimetro e che possa innescare sé stesso e gli altri”.

C’è spazio quindi per una considerazione sul campionato dell’anno prossimo, che prevederà tre promozioni in Serie A ma anche cinque retrocessioni in cadetteria: “Ci sarà ancora una volta un livellamento verso l’alto, ci sono già tante squadre che stanno uscendo allo scoperto, e penso a Treviso, Udine, Fortitudo e Verona. Dopodiché vedo un lotto di squadre molto competitive, come Ravenna, Cento, Montegranaro, Mantova e Forlì, che partiranno con ambizioni da post season. Noi invece vogliamo affidarci alle nostre idee e al nostro entusiasmo: non avremo un budget da top team, probabilmente non avremo i cosiddetti top players, ma sarà una sfida altrettanto stimolante, perché dovremo essere bravi a far diventare i nostri giocatori dei top players”.

Pillole di mercato: Nel frattempo è saltato all’ultimo l’arrivo del playmaker Robert Fultz, che sembrava cosa fatta nelle ultime ore. Il 36enne ex Fortitudo ha rifiutato la proposta del Kleb preferendo invece quella dell’Andrea Costa Imola. Ma mentre prende sempre più quota l’ipotesi di vedere Panni nel quintetto di partenza, il ds Pasi ha piazzato un altro colpo, come annunciato dalla società sulla sua pagina ufficiale Instagram. Si tratta di Cesare Barbon, guardia classe 1998, lo scorso anno a Pistoia in A1. Queste le sue prime parole da giocatore estense.

Kleb Basket Ferrara comunica che, in data odierna, è stato perfezionato l’ingaggio del giocatore Cesare Barbon.
Nato a Treviso il 12 marzo 1998, guardia di 192 cm per 84 kg, ha disputato l’ultima stagione in Serie A1, alla Flexx Pistoia, ed è un prospetto importante della pallacanestro italiana.
Prodotto del settore giovanile di Treviso, Barbon ha vestito la casacca delle rappresentative azzurre Under 15, Under 16 e Under 18 ed ha conquistato un Bronzo agli Europei Under 18 tenuti in Turchia nel 2016.
“Quando mi si è prospettata la possibilità di venire a Ferrara, non ci ho pensato due volte. Essendo io di Treviso ho seguito anche le ultime partite di play off ed ho visto il gioco
del Coach, e la passione del pubblico Ferrarese. Il Coach Bonacina l’ho conosciuto come avversario in quanto varie volte ci siamo incrociati nelle giovanili. Sono una guardia, tiro ma non sono un egoista se vedo dei miei compagni posizionati meglio. Pongo molta energia anche in fase difensiva.”
Benvenuto Cesare, Ferrara ti aspetta!#klebbasketferrara #bondiferrara #ilbasketsiamonoi #myferrara #pallacanestro #basketferrara #basket #basketball #forzaragazzi #siamquestiqua #funtime #orgoglioferrarese #curvanord

Un post condiviso da KLEB Basket Ferrara (@klebbasketferrara) in data:

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0