Ufficiale l’arrivo di De Zardo, ormai completato il parco italiani. Si spinge per il ritorno di Hall

Si va ormai completando il roster della Bondi Kleb Basket Ferrara 2018/19, che da mercoledì può vantare ufficialmente di un’altra pedina, quel Lorenzo De Zardo di cui parlavamo da giorni e che finalmente ha firmato il contratto che lo legherà (in prestito) alla società estense per la prossima stagione. Nato a Latina nel 1999, De Zardo è un’ala piccola di mano sinistra, considerato dagli addetti ai lavori uno dei migliori prospetti della sua annata. Prodotto del vivaio della De’ Longhi Treviso, vanta diverse presenze nelle nazionali minori ed è nel giro dell’Under 20 guidata da coach Dalmasson: “Appena ho saputo che c’erano possibilità di venire a Ferrara non ho esitato, – si presenta De Zardo – non conosco la città ma so che si vive bene e c’è una lunga tradizione di pallacanestro. E’ un ambiente giovane con tanta voglia di fare, sono sicuro che faremo un bel campionato”.

Il parco italiani è quindi quasi al completo, e lo sarà del tutto nelle prossime ore quando verrà annunciato anche l’ingaggio del playmaker classe ’99 Federico Zampini, che avrà il compito di far rifiatare in cabina di regia il confermato Alessandro Panni. Sarà una Bondi di corsa, frizzante, ma soprattutto giovanissima: tre ragazzi del ’98 (Mazzoleni, Barbon e Calò) e due del ’99 (De Zardo e Zampini). Fondamentale sarà l’apporto del trio Panni-FantoniMolinaro in termini di esperienza, leadership e carisma per far crescere in maniera sensibile questo nutrito gruppo di giovani.

E ancor più importanti saranno le due pedine americane: come già noto, ricopriranno gli spot di “point guard” e di ala forte. A tal proposito il ds Pasi e coach Bonacina stanno accelerando per la permanenza a Ferrara di Mike Hall, che continua a ricevere offerte dalla Serie A1, ma non disdegnerebbe di restare al piano di sotto, dove ha dimostrato di poter ancora dominare in lungo e in largo. Nelle ultime ore le percentuali di una sua conferma in maglia Kleb sono salite, anche se i prezzi rimangono alti e ci vorrà ancora qualche giorno per saperne di più.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0