Avvicendamento tra ex biancazzurri all’Inter Primavera: Madonna prende il posto di Vecchi

All’Inter evidentemente piacciono gli allenatori di origini bergamasche e con trascorsi alla SPAL. Almeno questo fa pensare l’avvicendamento sulla panchina della squadra Primavera nerazzurra, con Stefano Vecchi ai saluti dopo quattro stagioni ricche di soddisfazioni (ben 6 titoli) che viene rimpiazzato da Armando Madonna. L’ormai ex tecnico della Virtus Bergamo (la società che ha ereditato la storia dell’Alzano Virescit) è passato in biancazzurro da giocatore nella stagione 1992-1993 (serie B, 21 presenze) senza per la verità lasciare grandi ricordi, finendo poi col diventare una bandiera dello stesso Alzano. Giocò da avversario l’infausto playout della stagione 1996-1997, che condannò la SPAL di Magni alla retrocessione in serie C2.

Ora avrà il difficile compito di portare avanti la tradizione vincente avviata da Vecchi, capace di portare a casa due scudetti Primavera, due tornei di Viareggio, una coppa Italia e una supercoppa italiana. Madonna nelle ultime tre stagioni ha allenato la Virtus Bergamo, società nata dalla fusione tra l’Alzano Cene e l’Aurora Seriate. Per lui un 16° posto nella stagione d’esordio (2015-2016), poi due discreti piazzamenti (4° e 6°). Stefano Vecchi invece tornerà ad allenare in serie B dopo quattro anni: sarà il prossimo allenatore del Venezia. Nel 2014 fu esonerato dal Carpi pur avendo portato la squadra a ridosso della zona playoff: si è consolato alzando trofei con i giovani nerazzurri, assumendo temporaneamente anche la guida della prima squadra durante due diversi periodi, in seguito agli esoneri di Frank De Boer e Stefano Pioli.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0