Mattiello si veste di rossoblù: ufficiale il suo passaggio dall’Atalanta al Bologna

Nel calcio contemporaneo può anche capitare di essere tesserati da quattro squadre diverse nell’arco di appena dodici mesi. E’ la storia di Federico Mattiello (1995), da venerdì un nuovo giocatore del Bologna: il laterale di scuola Juventus è stato prelevato dall’Atalanta, club che a gennaio lo aveva sua volta acquistato dai bianconeri per una cifra di 2,5 milioni (più altri 2,5 legati a condizioni varie). Ora vestirà la maglia rossoblù per una cifra che i colleghi di Zerocinquantuno.it stimano in 3,8 milioni di euro. Attualmente l’accordo prevede un prestito con obbligo di riscatto a fine stagione: l’acquisizione definitiva dovrebbe prevedere un contratto di quattro anni con ingaggio da 500mila euro a stagione.

Mattiello è reduce da una stagione positiva a Ferrara, conclusa con 31 presenze (29 in campionato). La sua conferma però non è mai sembrato un tema d’attualità per la SPAL, che fin da subito è andata alla ricerca di un mancino naturale come Fares, che peraltro (come d’altra parte Dickmann) rientra nel conto dei giocatori “under” a differenza dell’ex bianconero.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0