Radiomercato SPAL del 24 luglio: il punto ragionato sulle voci delle ultime 24 ore

Il calciomercato è a pieno regime e fino al 18 agosto la macchina delle notizie girerà al massimo della potenza. Verificare tutto richiede tempo, ma anche leggere cento link (di cui molti con notizie di seconda e terza mano) può essere frustrante. Così abbiamo deciso di offrire ai nostri lettori una rapida panoramica quotidiana sulle voci delle 24 ore precedenti, disseminate tra le decine di fonti che stanno riportando notizie di mercato. Questo non implica necessariamente la loro veridicità, ma può aiutare a tenere d’occhio eventuali sviluppi.

ALBERTO GRASSI (centrocampista, 1995, Napoli)
Dopo le roboanti dichiarazioni rilasciate nel weekend da Aurelio De Laurentiis, l’emittente napoletana Radio Crc ha interpellato il procuratore di Grassi, Mario Giuffredi: “Grassi? Spero di arrivare ad una conclusione perché inizia ad essere stancante. Il ragazzo vuole allenarsi con la squadra in cui giocherà: ci sono diverse soluzioni in Italia e all’estero per cui in settimana lo incontrerò e prenderemo una decisione. Se il Napoli cede Grassi, lo fa in prestito e se lo farà a titolo definitivo, avrà un diritto di recompra“. Insomma, la situazione attuale fa parzialmente gioco alla SPAL, che da tempo ha incassato la disponibilità del giocatore a tornare in biancazzurro. Resta da capire come si inseriranno le altre pretendenti: si parla soprattutto di Parma e Cagliari.

MIRKO VALDIFIORI (centrocampista, 1986, Torino)
E’ il caso di rassegnarsi ad un’evidenza: fino al 17 agosto il suo nome continuerà a spuntare ciclicamente. Ieri Toro.it ha rilanciato ancora una volta la prospettiva di un trasferimento a Ferrara, chiarendo tuttavia che la SPAL non ha tutta questa fretta di chiudere. Come ormai risaputo, il destino di questa operazione è legato a doppio filo al futuro di Viviani: se il classe 1992 dovesse rimanere a disposizione di Semplici, difficilmente potrebbe arrivare Valdifiori. Non solo per un chiaro problema di sovrabbondanza in quel settore (c’è anche Schiattarella), ma anche per gli equilibri di bilancio.

GIULIO MAGGIORE (centrocampista, 1998, Spezia)
Nella serata di mercoledì Tuttomercatoweb ha dato conto di un possibile prestito di Moncini (ancora non ufficialmente biancazzurro, tra l’altro) allo Spezia come contropartita per l’arrivo del giovane centrocampista. Scenario plausibile ma che si scontra con le indicazioni giunte sia da Ferrara, sia da La Spezia: non più tardi di sabato scorso il ds Vagnati aveva assicurato che Moncini sarebbe rimasto alla SPAL, mentre in Liguria da giorni fanno sapere che lo Spezia punta ad incassare solo denaro dalle cessioni di Maggiore e del centrale classe 2000 Corbo.

-in uscita-
MICHELE CREMONESI (difensore, 1988)
Diverse squadre in serie B lo seguono con attenzione, tra queste il Brescia e l’Hellas Verona. L’accordo in scadenza a giugno 2019 a cifre non esattamente astronomiche dovrebbe agevolare una cessione definitiva.

MARCO BORRIELLO (attaccante, 1982)
Della risoluzione del contratto in realtà si sapeva già da un po’, ma solo lunedì la SPAL ne ha dato conto sul proprio sito ufficiale con un comunicato che più corto di così non si poteva. Questo ovviamente ha riacceso le speculazioni sul futuro dell’attaccante. Il suo storico agente, Andrea D’Amico, ha parlato della situazione a Sky Sport: “La nuova destinazione è da definire. È tranquillo, ma ha voglia di giocare, solo però se trova un progetto che gli dia stimoli. Non ha bisogno solo di un vantaggio economico ma soprattutto stimoli ed emozioni. Questo sta cercando“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0