Semplici: Ora si inizia a fare sul serio, vogliamo essere più aggressivi. I nuovi aiuteranno

Nel post-partita di SPAL-Lazio mister Leonardo Semplici non si sofferma più di tanto sui contenuti del match, preferendo un’analisi a più ampio raggio: “La squadra, indipendentemente dagli inserimenti, sta facendo quello che stiamo chiedendo dal primo giorno. Quest’anno vogliamo cambiare un po’ l’atteggiamento e aspettare di meno gli avversari, ma andare di più in avanti a pressare. Stiamo cercando di inculcare questi principi ai giocatori. Ci stiamo moderatamente riuscendo, sappiamo che è un lavoro lungo. Oggi quando abbiamo tenuto il campo senza cambiare troppo l’abbiamo tenuto bene, poi gli errori capitano anche ai migliori. L’anno scorso abbiamo fatto un bel risultato, ma non ci dobbiamo adagiare, anzi ripartire con più forza, determinazione e grinta. Sappiamo che il campionato sarà difficile, però abbiamo le possibilità per salvarci come nella scorsa stagione. Petagna? L’abbiamo preso proprio perché volevamo quel tipo di profilo. Si sta inserendo nel nostro gruppo nella maniera giusta, così come Djourou. Con i rientri di Gomis e Cionek possiamo finalmente iniziare a lavorare in un certo modo anche per la fase difensiva, ritrovando certi meccanismi che si sono rivelati vincenti nella scorsa stagione. Le assenze di oggi erano più che altro precauzionali: Fares già domani riprenderà a correre e Milinkovic è in attesa del via libera da parte dello staff medico. Mercoledì avremo due partite consecutive da novanta minuti che ci permetteranno di provare alcune cose. Il mercato? Ci stiamo muovendo nella giusta maniera, sappiamo che c’è da completare la rosa e cercheremo con le nostre possibilità di rafforzarci ulteriormente. Il calendario? A differenza dell’anno scorso non abbiamo turni con serie consecutive di partite con grandi squadre, a parte le ultime tre in cui incontreremo Milan e Napoli, mi auguro che abbiano raggiunto i loro obiettivi a quel punto del campionato. Ci tengo a far le condoglianze alla famiglia Masetti per la scomparsa di Paolo. Da parte mia e di tutta la SPAL c’è la vicinanza a Catia e Paola“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0