Sarà lo Spezia a tenere a battesimo la SPAL: con Giani e Mora tanti volti nuovi per Marino

Come da pronostico sarà lo Spezia l’avversario della SPAL nel terzo turno di Coppa Italia in programma il 12 agosto. La sfida contro i liguri rappresenterà il primo impegno ufficiale della stagione: mercoledì 8 la squadra di Semplici farà le prove generali nell’ormai classica amichevole agostana al “Curi” di Perugia, per poi far visita agli aquilotti al “Picco”, vista l’indisponibilità del “Paolo Mazza”.
Lo Spezia ha eliminato la Sambenedettese (serie C) col risultato di 2-1 nel match del secondo turno disputato sabato sera in casa di fronte a poco meno di 2.500 persone. I gol sono arrivati nel secondo tempo con Pierini (1998) e Bartolomei (1989, ex Cittadella), in mezzo il temporaneo pareggio di Gelonese.

Per gli aquilotti la rivoluzione è ancora in corso dopo la deludente stagione scorsa, chiusa con un anonimo piazzamento di metà classifica. Sono cambiati i quadri tecnici con gli arrivi del ds Angelozzi (ex Sassuolo) e del nuovo allenatore Pasquale Marino, ormai una vecchia conoscenza per la cadetteria. Almeno in partenza lo Spezia verrà collocato nel gruppo delle pretendenti ai playoff, anche se la squadra ligure nelle ultime stagioni non è andata oltre il quinto posto (2014/15). Tra gli addetti ai lavori traspare ottimismo per la stagione che verrà, anche se il gruppo è stato rinnovato in maniera pesante, con i soli Terzi e De Col a rappresentare la vecchia guardia. Durante l’estate sono arrivati i difensori Capradossi (Roma) e Crivello (Frosinone), i centrocampisti Ricci (Roma) e Bartolomei (Cittadella) e i giovani attaccanti Pierini (Sassuolo) e Okereke. Nuovi arrivi anche tra i pali con Lamanna (ex Genoa) che ha preso il posto di Raffaele Di Gennaro. La campagna acquisti non è comunque conclusa, perché presto potrebbe essere aggiunto Gianluca Scamacca, altro gioiellino del Sassuolo che si è messo in luce durante l’ultimo europeo Under 19. Anche a centrocampo ci potrebbe essere un’aggiunta, si fanno i nomi di Crimi (Entella) e Busellato (svincolato).

In uscita si sono registrate le partenze di Capelli (Padova), Lopez (Ternana), Ceccaroni (Padova), Palladino e Gilardino ai quali non è stato rinnovato il contratto. Sul piede di partenza anche Maggiore (assente sabato sera), centrocampista classe 1998, che potrebbe accasarsi proprio a Ferrara per vestire la maglia della SPAL nel prossimo campionato di Serie A. La lista dei partenti rimane comunque lunga e comprende tra gli altri anche giocatori esperti come Bassi, Bolzoni, Giorgi e Granoche.
Nella rosa a disposizione di Marino ci sono anche due ex capitani biancazzurri come Nicolas Giani e Luca Mora: nella partita contro la Sambenedettese il difensore era assente per squalifica, mentre il centrocampista è rimasto in campo per 78 minuti.

Lo Spezia finora si è schierato col 433 marchio di fabbrica di Marino e ha dato buoni segnali nel precampionato, malgrado il cantiere aperto relativo alla rosa. In uno dei test più significativi (lo scorso 28 luglio) gli aquilotti hanno imposto il pareggio per 2-2 al neopromosso Empoli, grazie ai gol di Mora e Okereke (su assist dello stesso Mora). Il tecnico dei liguri si è espresso così in vista dell’appuntamento con la SPAL: “Sicuramente il livello è superiore, abbiamo affrontato l’Empoli e sappiamo com’è una squadra che fa la serie A. Si sono salvati bene, per quello che era l’organico ha fatto una grande impresa. Abbiamo una settimana piena di lavoro, possiamo oliare determinati meccanismi e la condizione atletica, soprattutto sul breve”.

In palio tra Spezia e SPAL c’è la qualificazione al quarto turno (5 dicembre): lì si affronterà la vincente di SampdoriaViterbese, visto che i laziali hanno travolto l’Ascoli (0-4) nell’incontro di sabato sera.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0