Bonifazi-bis, questione di dettagli: trattativa serrata col Torino per un altro prestito

Appena il Torino avrà la certezza di poter ingaggiare un altro difensore darà il via libera per un nuovo prestito di Kevin Bonifazi alla SPAL. Il tutto al netto della trattativa che potrebbe portare anche Valdifiori a Ferrara, ma i destini delle due operazioni sono slegati l’uno dall’altro. Bonifazi, classe 1996, tornerebbe quindi in biancazzurro a due anni dal suo primo approdo avvenuto in un sostanziale anonimato.

Nel caso si chiuderebbe un tormentone che dura da mesi. Bonifazi è sempre stato in cima alla lista dei desideri della SPAL per il rafforzamento del reparto arretrato, tanto da essere cercato anche nello scorso mercato di gennaio. Il Torino a più riprese si è sempre messo di traverso, viste le incertezze legate al recupero del brasiliano Lyanco, infortunatosi gravemente a maggio. Tuttavia le conferme di Nkolou e Moretti, oltre agli arrivi di Bremer e Izzo rischiavano di confinare il giovane difensore in un ruolo da comprimario per un’altra stagione, prospettiva che per forza di cose non può piacere a chi era entrato a pieno titolo nel giro della nazionale Under 21.

La sensazione è che l’opinione dello stesso Bonifazi stia avendo un peso nella trattativa in corso, che si sta sviluppando sulla base di un prestito. La SPAL sta lavorando per ottenere un diritto di riscatto da esercitare alla fine della stagione, ma difficilmente il Torino lo concederà senza riservarsi l’opzione di contro-riscatto. Il nodo da risolvere entro venerdì è questo, ma dovrebbe essere superato visto che il ds granata Petrachi si sta cautelando con l’arrivo del difensore ivoriano Djidji dal Nantes.

L’aggiunta di Bonifazi completerebbe il reparto difensivo portando a sei il numero di difensori centrali a disposizione di Semplici, almeno considerando imminente la cessione di Vaisanen. Il centrale originario di Rieti è stato operato di sports hernia lo scorso 19 luglio e verosimilmente potrà tornare in azione solo a partire da settembre. Per forza di cose non potrà contare su un posto da titolare inamovibile come quello che conquistò nel campionato di serie B 2016-2017, ma dovrà sgomitare tra Cionek, Djorou, Felipe e Simic.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0