Cosa è rimasto da fare? Il punto tra entrate e uscite nell’ultimo giorno di mercato

L’ultima giornata di calciomercato sarà tale solo per il mercato in entrata, perché per le uscite ci sarà ancora tempo: il mercato in direzione serie C andrà avanti fino al 25 agosto, mentre nel resto d’Europa (comprese Francia, Germania e Spagna) la chiusura è prevista per la sera del 31. Un dettaglio che interessa eccome alla SPAL, visto che – almeno sulla carta – ci sono diversi giocatori da piazzare per evitare di ingolfare la rosa.

Attualmente a disposizione di Semplici ci sono 28 giocatori (contando anche Missiroli) ed è verosimile che il ds Vagnati voglia far scendere l’organico a 24-25 per consentire all’allenatore di lavorare con un gruppo più ristretto. I candidati principali per la partenza (in prestito) sono il centrocampista Mattia Vitale (1997) e il difensore Sauli Vaisanen (1994). Entrambi hanno mercato in serie B: il primo piace a Cosenza e Padova, mentre il secondo interessa ad Ascoli, Cremonese e Crotone. Il reparto portieri dovrebbe rimanere così com’è, malgrado nell’ultimo mese diverse squadre di serie C abbiano cercato Giacomo Poluzzi (1988).
Il principale punto interrogativo riguarda Federico Viviani (1992): l’arrivo di Valdifiori lo spinge in seconda fila nel progetto tecnico di mister Semplici, con Schiattarella che non più tardi di una settimana fa ha dichiarato di sentirsi totalmente a proprio agio nel ruolo di regista e di essere determinato a mantenerlo. Il riscatto di Viviani dall’Hellas Verona era arrivato in un momento in cui sembravano esserci potenziali acquirenti all’orizzonte (Sampdoria, Fiorentina) e ancora poche certezze sull’arrivo di Valdifiori. Ora il quadro è cambiato e il giocatore rischia di vivere una stagione da comprimario (con un contratto fino al 2022) a meno di blitz dell’ultimo giorno da parte di qualche squadra italiana. Si è parlato del Parma, ma i ducali sembrano essere vicini a Di Gennaro (1988) della Lazio.

E in entrata? La SPAL non rimane certo ferma. Un possibile prestito di Nicolò Zaniolo (1999), talento da poco passato dall’Inter alla Roma, ha rappresentato più di un’idea, ma la pretendente più determinata sembra essere il Chievo. Resta in sospeso la trattativa per Giulio Maggiore (1998) dello Spezia. La SPAL da tempo ha l’accordo col giocatore, ma il club ligure fa muro chiedendo 500mila euro per lasciare partire il giocatore già da ora, a fronte di una scadenza di contratto fissata a giugno 2019. Ovviamente i biancazzurri non hanno interesse a forzare: se verrà limata la cifra il centrocampista arriverà, altrimenti si punterà ad un’acquisizione a parametro zero per la prossima stagione.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0