Niente nazionale per Thiago Cionek, il nuovo ct Brzeczek vara la linea dei giovani

Due prestazioni eccellenti in altrettante partite di campionato non sono state sufficienti a Thiago Cionek per conservare la maglia della nazionale polacca. Il centrale biancazzurro infatti è stato escluso dal giro delle convocazioni del nuovo ct Jerzy Brzęczek, che ha preferito i più giovani Bednarek (1996, Southampton), Kaminski (1992, Fortuna Dusseldorf) e Dzwigala (1995, Wisla Plock) in vista degli impegni di Nations League contro Italia e Portogallo.

Cionek non è l’unico a essere stato messo da parte dopo il disastroso mondiale della Polonia sotto la guida di Adam Nawalka: a fargli compagnia ci sono altri giocatori presenti in Russia come Grosicki (Hull City), Pazdan (Legia Varsavia), Jędrzejczyk (Legia Varsavia), Teodorczyk (Udinese) e Kownacki (Sampdoria).
La Polonia conserva in ogni caso un animo “italiano”, visto che tra i convocati di Brzęczek ci sono ben otto giocatori della serie A: si tratta di Szczesny (Juventus), Skorupski (Bologna), Bereszyński (Sampdoria), Reca (Atalanta), Linetty (Sampdoria), Zielinski (Napoli), Milik (Napoli) e Piatek (Genoa). Per Reca (in estate cercato dalla SPAL) e Piatek (autore già di 5 gol tra campionato e coppa Italia) si tratta della prima convocazione in assoluto.

Il conto di presenze di Cionek con la nazionale polacca resta quindi fermo a 20. Se da un lato il difensore originario di Curitiba avrà tutte le ragioni per essere deluso, dall’altro questa “pausa” gli permetterà di continuare ad allenarsi al meglio con la SPAL, evitando così i possibili effetti collaterali degli impegni internazionali.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0