Lazzari, il debutto si avvicina: Mancini rinuncia a Zappacosta per il match col Portogallo

A meno di imprevisti dell’ultimo minuto, Manuel Lazzari esordirà da titolare in Nazionale in occasione di Portogallo-Italia di Nations League, diventando il terzo biancazzurro (dopo Bugatti e Fontanesi nel 1952) a conseguire questo onore. L’esterno spallino fa parte dei 23 convocati di Roberto Mancini per il secondo match del girone 3, in programma a Lisbona. Sono rimasti fuori Cragno, Biraghi, Rugani, Zappacosta, Pellegrini, Zaniolo, Balotelli. Vale la pena notare come Biraghi, Zappacosta e Pellegrini siano stati impiegati da titolari venerdì scorso, nel deludente 1-1 di Bologna contro la Polonia.

Mancini sceglie di escludere i due terzini inizialmente proposti nel suo 433 due degli altri tre convocati, ossia Lazzari e Criscito, tenendo Emerson Palmieri come alternativa per la corsia mancina. Si è speculato anche sulla possibilità che il ct possa schierare Caldara nel ruolo di terzino destro, ma ha l’aria di essere un’opzione abbastanza remota. Al di là dell’emozione per la bella storia del numero 29, sarà senz’altro interessante verificare come Lazzari interpreterà il ruolo di laterale destro nello schieramento proposto da Mancini, visto che nel 352 di Semplici può contare su una copertura da parte del difensore di centro-destra, oltre che sul ripiegamento della mezzala di riferimento nelle situazioni d’emergenza.

rilevazione posizione media WyScout

Nel match contro la Polonia Zappacosta ha tentato appena 4 cross (due sono andati a buon fine), mentre Lazzari nelle prime tre di campionato ha viaggiato con una media di 9 a partita: il 29% (8 su 28) ha raggiunto un compagno. Sul fronte opposto Biraghi ha tentato 15 traversoni nel confronto del Dall’Ara, chiudendo con un 5/10 di successo.

Conto dei cross via WyScout

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0