La disoccupazione non fa per Swann: Sono un leader e voglio vincere anche a Ferrara

Pomeriggio di presentazioni in casa Kleb Basket Ferrara. La presentazione dell’ultimo acquisto Isaiah Swann è stata anche l’occasione per una visita guidata alla nuova palestra allestita dietro la tribuna. Oltre alla guardia USA ex Treviso sono intervenuti il dg Luigi Moretti, il consigliere d’amministrazione Marco Miozzi e il coach, Andrea Bonacina.

Luigi Moretti
“Non lo nascondo, il presidente e io siamo davvero molto contenti e felici di annunciare acquisto, abbiamo portato a Ferrara un giocatore dall’indiscusso talento, come abbiamo potuto constatare sulla nostra pelle l’anno scorso durante la serie di play-off con Treviso. Abbiamo deciso di fare questa operazione in ritiro, una decina di giorni fa. Così, su due piedi: una volta che abbiamo capito che c’era più di uno spiraglio per portare a buon termine la trattativa non ci abbiamo pensato su due volte. Tenevamo il colpo in canna pronto a farlo esplodere”.

Marco Miozzi
“Questo è il secondo grande sforzo della società, dopo il rinnovo biennale concordato con Mike Hall. Crediamo di avere allestito una rosa competitiva e ci aspettiamo molto dalla squadra. Ma anche dalla città. Sinceramente pensavo che la campagna abbonamenti andasse meglio e che l’imprenditoria di Ferrara rispondesse di più e fosse più attiva e propositiva. Peccato. Credo che nostro lavoro meriti più seguito, sia in termini di pubblico che per le partnership. Venerdì ci sarà l’inaugurazione dello store alla presenza del sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani, che ci ha sempre sostenuto. Spero in un’inversione di rotta”.

Andrea Bonacina
“Intanto mi sento in dovere di dire un enorme grazie alla società per lo sforzo per lo sforzo economico fatto durante questa off-season. La nuova palestra è un gioiellino e non credo di esagerare se dico che è un fiore all’occhiello per una squadra come la nostra. Rappresenta un’ulteriore spinta per dare il massimo. Abbiamo parecchi mezzi a disposizione adesso per centrare i nostri obiettivi: la nostra salvezza non potrà non passare da una qualità del lavoro quotidiano. Cercheremo di lavorare di più e meglio degli altri. Per quanto riguarda Swann, che volete che dica, lo conoscete molto bene: è un giocatore completo e a tutto tondo, per me è un grande stimolo poterlo allenare perché soprattutto in attacco ha dei numeri da fuoriclasse. Con Mike potrà costruire una chimica particolare che ci potrà dare una grossa mano sia in termini di punti che di esperienza, insieme alzano livello medio della squadra. Isaiah ha dimostrato di essere una persona molto solare e con voglia di fare. Finalmente domani – con il ritorno di Ale (Panni; ndr) dall’infortunio muscolare – la squadra  sarà al completo, vogliamo iniziare a creare sinergia con il pubblico: il Palasport deve diventare il nostro fortino”.

Isaiah Swann
“Per me è fantastico essere qui, non vedo l’ora di iniziare. La scelta di Ferrara è stata molto semplice: stavo iniziando ad innervosirmi a stare a casa sul divano con le mani in mano e non avere offerte dopo una buona stagione giocata con Treviso mi sembrava strano. Così quando il telefono ha squillato ho iniziato a fare le valigie, non potevo farmi sfuggire questa occasione. Ho giocato quattro volte contro la Bondi e mi è sembrata una buona squadra. Giovane, è vero, ma la conoscenza di Mike ha influito sulla mia decisione, insieme sono convinto che potremo trascinare i ragazzi. Voglio insegnare a vincere. L’obiettivo? Il nono anno di play-off. Ma rimaniamo con i piedi per terra, almeno per il momento, dobbiamo rimanere sempre concentrati e lavorare duro. Ho avuto sensazioni positive già dal primo giorno perché tutti possono fare bene. Non abbiamo limiti e la pressione sarà sempre sugli altri. La partita con Treviso all’esordio? Ha un sapore speciale, vogliamo i due punti, come contro tutte le altre squadre del resto. Non mi sento un giocatore di sistema, ma un leader, anche a 33 anni. Sono qui per vincere e lo dimostrerò. Noi dobbiamo semplicemente avere consistenza. Hobby? Passare del tempo con la mia famiglia, a fare qualsiasi cosa. Amo fare il padre e il marito”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0