Kurtic sempre più a suo agio: Si vedono i progressi di squadra. Classifica? Non esaltiamoci

L’Atalanta torna a Bergamo con due reti dell’ex Petagna sul groppone, ma a far bella figura davanti agli oltre 14 mila del Mazza non è solo l’attaccante di Semplici. A presentarsi in zona mista al termine della gara sono Kurtic, protagonista di un’altra prestazione più che buona, e Fares, messo in discussione in questo inizio di stagione, ma questa sera brillante sulla corsia mancina.

JASMIN KURTIC
“Abbiamo giocato tutti benissimo e soprattutto pressato nel modo giusto, mandando in tilt un avversario molto forte e senza sbagliare mai, neanche per un minuto, l’atteggiamento in campo. Il centrocampo è il cuore del gioco, abbiamo vinto la partita lì e siamo stati bravi a conquistare un grandissimo numero di palloni. Se giochi bene in quella zona anche le altre fasi possono lavorare meglio e noi oggi abbiamo interpretato alla perfezione quello che il mister ci ha chiesto in settimana. Stiamo molto bene fisicamente e lo abbiamo dimostrato tenendo testa conto l’Atalanta, una delle formazioni più preparate a livello agonistico da svariati anni a questa parte. Per giocare contro queste squadre devi essere pronto a competere sotto tanti aspetti e la tenuta fisica è uno di questi. Come ho vissuto questi giorni in attesa della partita contro il mio passato? Ho un grande rispetto per la mia ex squadra, lì ho passato due anni e mezzo bellissimi ed ho dato il cuore per tutta la città e i tifosi, ricevendo in cambio sempre grandissimo affetto. In questa settimana abbiamo lavorato molto bene come squadra, ragionando su come attaccare e anche su come difenderci. Credo che i frutti del lavoro siano stati sotto gli occhi di tutti. Sono contento per i gol di Andrea (Petagna, ndr) e gli faccio tanti complimenti, di solito non è importante chi segna, ma quando a farlo è un attaccante è sempre meglio. Ora chiudiamo questa grande giornata e manteniamo i piedi per terra, siamo secondi ma non esaltiamoci. Il campionato è lungo e l’unica cosa che dobbiamo fare è abbassare la testa e lavorare, poi vedremo quello che succederà. Il nuovo stadio? Direi un lavoro meraviglioso, ho grande rispetto per tutti quelli che hanno lavorato a questo progetto e dedichiamo questa vittoria a loro e alla città intera. Siamo sulla strada giusta”.

MOHAMED FARES
“Sono molto felice per la vittoria di oggi, ottenuta davanti ad un pubblico che non ha mai smesso di incitarci. E’ stata  una sensazione indescrivibile entrare nel nuovo stadio, qui il tifo è fantastico e non ti lascia veramente mai solo. La mia prestazione? Ho dato tutto quello che avevo, sto cercando di migliorarmi giorno dopo giorno, ma siamo tutti noi compagni a volerci aiutare a vicenda ed è questo lo spirito giusto per raggiungere traguardi sempre più importanti. Gol sfiorato? Ancora non riesco a finalizzare bene, ma spero di fare progressi anche da quel punto di vista”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0