La voce del patron: Ci aspettavamo più grinta. Il Sassuolo ci ha surclassati a centrocampo

Dopo il triplice fischio, i riflettori si concentrano sui dirigenti. Ad analizzare il match ci pensa il patron Simone Colombarini, che nel post partita sottolinea le debolezze della SPAL, fa un plauso agli avversari e non vede l’ora che si torni a giocare per poter dare subito prova di un cambio d’atteggiamento. Queste le sue dichiarazioni.

Sicuramente abbiamo fatto meglio rispetto a Firenze, ma non abbastanza da portare a casa un risultato positivo. Ci si aspettava più grinta durante la partita e invece abbiamo faticato tanto, nonostante qualche occasione ci sia stata e certi episodi potevano girare la gara a nostro favore. Detto questo, dobbiamo valutare la partita per la prestazione: potevamo fare di più ed il Sassuolo è andato avanti meritatamente. A centrocampo erano più veloci di noi e non siamo riusciti a contenerli, né ad essere pericolosi in fase di possesso: ci hanno surclassato. Nelle partite precedenti dominavamo la gara a centrocampo e dobbiamo ritrovare quella condizione e determinazione che ci hanno portato a fare belle gare fino ad oggi, perché negli ultimi due incontri siamo calati e così non si portano a casa risultati positivi. Oggi il mister avrà visto bene in allenamento quelli di Firenze, scegliendo di dare loro una seconda possibilità senza turnover, ma non bisogna giudicare queste scelte: in campo sono andati undici giocatori che non hanno fatto bene e da loro ci si aspettava di più. Fortunatamente tra poco giocheremo ancora e speriamo di vedere una squadra che gioca in maniera diversa. Poi come sempre le scelte dipenderanno dalla condizione dei ragazzi vista in allenamento nei prossimi giorni. Per quanto riguarda l’infortunio di Kurtic, ancora non so nulla, ma credo abbia problemi da un gomito: sono in corso accertamenti e verificheremo. Oggi una nota positiva c’è stata: il pubblico è stato grande ed ha accompagnato i ragazzi dall’inizio alla fine. So che si aspettano risultati diversi, ma l’incitamento non manca ed è giusto che stiano il più vicino possibile a questa squadra”. 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0