La partita vista dai giocatori. Missiroli: Potevamo sbloccarla noi. Vicari: La prestazione c’è stata

La seconda partita nel rinnovato “Paolo Mazza” non regala le stesse emozioni dell’inaugurazione contro l’Atalanta. La SPAL di Semplici cade per 0-2 contro il Sassuolo, giocando sottotono e dimostrando di dover lavorare ancora molto per potersi installare in zone di classifica più nobili. L’amarezza della sconfitta casalinga è riassunta nelle parole di Simone Missiroli e Francesco Vicari in mixed zone.

SIMONE MISSIROLI
C’è stato un primo tempo equilibrato e abbiamo visto occasioni da entrambe le parti, anche se forse loro tenevano di più la palla. Non ho visto però una supremazia del Sassuolo nei primi quarantacinque minuti. Nella ripresa siamo partiti forte, ma quel gol ci ha tagliato le gambe, abbiamo subito la loro qualità e velocità senza riuscire a bloccarli, andando spesso in difficoltà. Loro, nonostante siano una squadra con spiccate doti offensive, sono stati bravissimi a chiudersi dietro, senza lasciare spazi per far girare il pallone o permettere un’imbucata per i nostri attaccanti. In contropiede ci hanno fatto molto male. Hanno tantissimi giocatori di qualità, da Djuricic a Boga fino ad arrivare a Babacar, giocatore per nulla lento come magari può sembrare. Mister De Zerbi ha allestito una grande squadra in base alle caratteristiche del suo gioco. Consigli decisivo nella parata del primo tempo? Sì, è stato molto bravo, è un gran portiere e lo conosco da diverso tempo, non sono per nulla sorpreso della sua grande prestazione. Peccato per il gol annullato ad inizio ripresa, eravamo partiti bene e forse potevamo sbloccarla noi. Ora dobbiamo ripartire, non dobbiamo pensare che l’ottima partenza ci possa portare ad altri obiettivi che ci distrarrebbero da quello principale: la salvezza. Lunedì andremo a Genova e incontreremo una squadra che sta bene, che ha fatto un grande mercato e che ha messo in difficoltà tutte le grandi. Dovremo essere molto concentrati“.

FRANCESCO VICARI
Siamo abbastanza sereni perché abbiamo messo in mostra una buona prestazione contro un’ottima squadra, correggendo gli errori compiuti contro la Fiorentina. Chiaramente c’è grande rammarico per la sconfitta, perdere non piace a nessuno, ma credo che abbiamo riportato quello che facciamo in allenamento anche oggi, uscendo però sconfitti. Credo sia stata una partita equilibrata, ma come sempre sono gli episodi a farla da padrona. Abbiamo preso due gol un po’ sfortunati, però la prestazione non è mancata. Continuiamo su questa strada perché abbiamo fatto vedere buone cose fino ad ora. Poco filtro a centrocampo? Penso che questa caratteristica sia mancata solo cinque giorni fa a Firenze, ma lì non c’è stato nulla di quello che sappiamo fare. Abbiamo cancellato quella sconfitta e a mio parere oggi non siamo andati male. In settimana cercheremo di migliorare e correggere dove abbiamo sbagliato. Guardando avanti sulla carta ora si apre un periodo certamente difficile, ma tutte le partite di serie A lo sono. Rimaniamo umili e teniamo bene a mente che il nostro obbiettivo è la salvezza, senza montarci la testa”.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0