Da Mattioli complimenti alla squadra e una puntura all’arbitro: Non mi è parso all’altezza

Passionale com’è, il presidente Mattioli non può che masticare amaro nell’immediato post-partita di SPAL-Inter, anche se nel suo ragionamento il presidente cerca di mettere le cose in prospettiva, sottolineando i lati positivi della prova dei biancazzurri: “Mi sarebbe piaciuto fare qualche punto e andare avanti in classifica, questo è fuori discussione. Per come abbiamo giocato questa sera avevamo l’occasione di portare a casa almeno un punto e non penso di dire una cavolata se dico che ce lo saremmo meritati alla grande. Il loro gol è stato un mezzo infortunio e c’è rammarico per il nostro rigore sbagliato, ma avere Handanovic davanti credo che incuta timore a tutti. Il portiere dell’Inter questa sera ha fatto delle cose quasi impossibili parando di tutto, la SPAL meritava senz’altro di uscire imbattuta da questa sfida per il gioco espresso e per come è rimasta in partita dopo lo svantaggio. Non mi è piaciuto per niente l’arbitraggio: il direttore di gara non ha fatto bene e non credo che la SPAL si meriti questi arbitri, per quanto mi riguarda non è stato all’altezza. Questa sera tutti i nostri giocatori hanno fatto una grande prestazione e a loro vanno i miei complimenti. La differenza tra noi e l’Inter secondo me l’ha fatta solo il portiere.  Ho rivisto la stessa intensità della vittoria con l’Atalanta e per questo meritavamo di essere valorizzati, vorrà dire che andremo a fare punti a Roma tra due settimane. Lazzari non convocato in nazionale? Non credo dipenda dalla sua prestazione nelle convocazioni precedenti, ritengo che sia più che altro una questione di moduli, dato che Mancini vuole giocare col 4-3-3 e Lazzari è abituato a stare in campo in un’altra maniera. Credo che la spiegazione sia questa, anche perché altrimenti lasciare uno così a casa avrebbe dell’incredibile. Abbiamo un’ottima squadra, peccato per quelle due-tre domeniche in cui ci siamo persi ma non dubitate, vedrete che ci rifaremo. Questo gruppo farà bene“.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0