SPAL da sogno, Roma è terra di conquista: ritorno ai tre punti in grande stile

Questa volta, oltre alla prestazione, la SPAL trova anche i punti, e sono ben tre tutti in una volta, presi con merito alla Roma nella sfida dell’Olimpico. Dopo una supremazia sterile, i capitolini crollano sul rigore conquistato da Lazzari e battuto alla perfezione da Petagna. E’ il primo tiro in porta dei biancazzurri verso la porta di Olsen, ma il vantaggio è giusto per la solidità mostrata in campo, che viene ulteriormente legittimata dal raddoppio del rientrante Bonifazi, all’esordio stagionale in campionato. L’espulsione avventata di Milinkovic-Savic (discutibile, per proteste) non ha complicato più del necessario il finale, la SPAL ha condotto in porto la gara senza grossi grattacapi, trovando una vittoria che mancava a Roma dalla stagione 1965-1966 (Roma-SPAL 0-2. 27′ Muzzio, 41′ rig. Massei). E ora i punti in classifica sono 12, in attesa dello scontro diretto di domenica prossima alle 15 al Mazza contro il Frosinone.

ROMA-SPAL 0-2 (p.t. 0-1)

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Florenzi, Fazio, Marcano, Lu. Pellgrini (33′ s.t. Pastore); Cristante, Nzonzi; Under (dal 26’ s.t. Coric), Lo. Pellegrini (dal 16’ s.t. Kluivert), El Shaarawy; Dzeko. A disp.: Fuzato, Mirante, Juan Jesus, Manolas, Santon, Zaniolo. All.: Eusebio Di Francesco.
SPAL (3-5-2):Milinkovic-Savic; Cionek, Vicari, Bonifazi; Lazzari, Missiroli, Valdifiori (dal 25’ s.t. Fares), Valoti (dal 32’ s.t. Gomis), Costa; Petagna, Paloschi (dal 20’ s.t. Everton Luiz). A disp.: Poluzzi, Simic, Dickmann, Schiattarella, Vitale, Floccari, Moncini, Antenucci. All.: Leonardo Semplici.

ARBITRO: sig. Pairetto di Nichelino; assistenti: Ranghetti e Fiorito; IV uomo: Di Martino; VAR Abisso e Carbone.
RETI: 38′ p.t. rig. Petagna, 11′ s.t. Bonifazi.
AMMONIZIONI: Missiroli (S), Lu. Pellegrini (R), Under (R), Paloschi (S), Everton Luiz (S), Milinkovic-Savic (S), Fazio (R).
ESPULSIONI: Milinkovic-Savic (S) al 30’ s.t. per somma di ammonizioni.
NOTE: spettatori: 39839. Angoli: 8-9. Recupero: 1’ p.t., 5’ s.t.

Azioni salienti primo tempo

2’ El Shaarawy calcia in porta dal centro dell’area estense, blocca Milinkovic.
7’ Dzeko controlla un passaggio di Under e calcia, Milinkovic si allunga e toglie la palla dallo specchio.
17’ El Shaarawy smarca Dzeko con un gran cross lanciandolo verso la porta spallina, ma il numero nove si fa ipnotizzare da Savic e non riesce a gonfiare la rete.
23’ Dzeko ci riprova da fuori area, il destro si spegne nei guanti di Milinkovic.
26’ Costa batte un calcio di punizione dalla destra, Pellegrini interviene e si rifugia in angolo.
34’ Florenzi prova a capitalizzare un passaggio di El Shaarawy con una girata dal limite, ma il tiro termina sul fondo.
36’ Florenzi dribbla Valoti e calcia in porta, Milinkovic interviene con freddezza.
38’ La SPAL passa in vantaggio dal dischetto! Luca Pellegrini atterra Lazzari in area, per Pairetto è rigore: Petagna spiazza Olsen dagli undici metri e sblocca il risultato. 0-1.

Azioni salienti secondo tempo

9’ Dzeko tutto solo davanti a Milinkovic sbaglia il tempo di gioco e devia il pallone sul fondo, divorandosi un’occasione clamorosa per pareggiare.
11’ Raddoppio della SPAL! Sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Valdifiori, Bonifazi stacca di testa ed infila Olsen. 0-2 all’Olimpico.
18’ Petagna si gira nell’area giallorossa e calcia forte in porta, Olsen si rifugia in angolo con un grande intervento.
21’ Lorenzo Pellegrini fa tremare la traversa con un sinistro dal limite, Milinkovic tocca leggermente quindi l’arbitro concede il corner.
30’ SPAL in dieci: Milinkovic perde tempo e viene ammonito, poi, con un gesto plateale ma nulla di più, allontana il pallone di troppo presente sul rettangolo verde e viene espulso da Pairetto, aiutato nell’avventata decisione dall’assistente.
32′ E’ Valoti a fare spazio a Gomis.
38’ Dzeko devia di testa la sfera verso la porta, Gomis blocca senza problemi.
42’ Pastore fa una sponda per Dzeko, che di testa consegna il pallone a Gomis.
45’+4′ Petagna davanti alla porta manca l’appuntamento col 3-0 e si fa deviare il tiro in angolo.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0