La Krifi si è inceppata: al palasport vita fin troppo facile per l’ultima in classifica

Si deve ancora capire qual è il vero volto della giovane Krifi 4 Torri di questa stagione. Dopo il promettente inizio con due vittorie su altrettante uscite la squadra di coach Martinelli si è improvvisamente inceppata, cogliendo altrettante sconfitte, a Mirandola e in casa con Forlì. La più preoccupante delle due è senz’altro l’ultima, arrivata contro una Celanese Volley Forlì che al momento di entrare al palasport di Ferrara aveva lo zero alla voce punti. I romagnoli hanno vinto tutti e tre i set complice una Krifi mai realmente in partita con errori in sequenza sia in fase d’attacco che di ricezione.

Il primo set si apre con Sasdelli al servizio che mette giù i primi due punti, di lì in poi Forlì inizia a prendere le misure, e sul 3-6 coach Martinelli chiama in primo time out discrezionale. La Krifi si rimette in sesto e riesce a rimontare e dare distacco alla squadra ospite. Sul 18-15 dopo un bellissimo scambio, con salvataggio da parte del libero Poli sulla ringhiera, arriva il time out anche per i romagnoli, che grazie anche ad un serie di errori recuperano lo svantaggio e si portano a +4. Sul 18-22 i padroni di casa provano la rimonta, ma ormai è troppo tardi e il set si chiude con un parziale di 20-25.

Del secondo set c’è poco da salvare: la Krifi rimane in vantaggio vantaggio sugli avversari solo nei primi due minuti di gioco. Sul 3-3 inizia una serie interminabile di errori, col punto debole della giornata che pare proprio essere la ricezione. Quando il tabellone segna 14-20 arriva il time out di Martinelli: i ragazzi di casa sembrano aver ritrovato il loro gioco e si portano 19-20, ma ancora una volta manca determinazione per arrivare in fondo e anche il secondo set se lo portano a casa gli ospiti con un 23-25.

Dopo una lavata di testa da parte di Martinelli i granata entrano in campo con più grinta, e dopo un inizio giocato punto a punto sull’11-11, si intravede un barlume di speranza. Ferrara si crea un buon distacco portandosi 19-13 sugli avversari, che però non si lasciano intimorire e subito tentano di reagire. La 4 Torri nuovamente intimidita dal tentativo di rimonta regala agli avversari diversi punti, commettendo errori in tutte le fasi del gioco. Sul 21-20 coach Martinelli chiama il time out e cerca di riportare lucidità in campo, ma ormai è troppo tardi, arriva la rimonta avversaria, e la partita termina 23-25 con l’ennesimo errore in fase di ricezione.

Coach Martinelli commenta così la prestazione dei suoi: “I blackout che si sono visti oggi sono difficili da spiegare, è vero che se da una parte abbiamo una squadra giovane che può avere delle carenze di lucidità, in questa partita come nella precedente di Mirandola (altra sconfitta per 3-0) siamo stati davvero poco concentrati. Stasera abbiamo sofferto molto in ricezione, in attacco commettiamo come sempre molti errori, e anche a muro e in difesa non navighiamo in grandi acque. Il risultato è che poi perdi contro una squadra che a mio avviso è di livello inferiore al nostro, che però stasera ha giocato nettamente meglio di noi, prendendo coraggio e iniziativa, cosa che noi non abbiamo fatto. Penso che dovremo cambiare completamente il nostro atteggiamento.”

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0