Dirigenza insoddisfatta, Colombarini: Prestazione insufficiente, mi aspettavo di più

Al termine di Pergolettese-SPAL abbiamo raccolto le impressioni di Simone Colombarini e Walter Mattioli, rispettivamente proprietario e presidente della SPAL. Entrambi sono parsi piuttosto insoddisfatti di quanto visto al Voltini di Crema.

Simone Colombarini – patron SPAL –
“Dopo una partita così dico che mi aspettavo qualcosa di più. La classifica ci sorride perché chi ci rincorre ha fatto peggio di noi, però la prestazione di oggi non è comunque sufficiente. L’obiettivo da raggiungere lo conoscono benissimo tutti e quindi non si può certo parlare di scarsa motivazione. Voglio sperare che sia solo un momento di calo fisico, che quindi ha portato anche ad un calo di grinta e motivazione. Di certo c’è che vincere giocando così è difficile. Ora dobbiamo cercare di capire le motivazioni di questo andamento e poi fare meglio già dalla prossima, anche perché le partite che mancano sono solo tre e bisogna cercare di chiudere il conto il prima possibile”.

Walter Mattioli – presidente SPAL –
“Una brutta partita. non si può giocare così, forse peggio anche di domenica scorsa. Le motivazioni di certo non mancano. Forse un po’ di stanchezza, forse un po’ di paura, anche se dovremmo averla già lasciata alle spalle. Di certo manca la grinta, e questo dispiace. comunque dobbiamo finire il campionato. Se non si vincono queste partite come queste bisogna andare a casa, presidente compreso. Faccio fatica a dirmi contento. Sulla carta sembra sempre che abbiamo il favore dei pronostici, e poi il campo da qualche tempo ci smentisce. Già domenica prossima la Vecomp non verrà certo per passeggiare, ci sarà da sudare, quindi se si vogliono evitare sorprese serve più attenzione e più determinazione, più di quanta ne sia stata messa in campo oggi. Credo che i giocatori debbano svegliarsi un po’, e darsi una mossa se vogliono rimanere a giocare a Ferrara”.

 

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0