L’ascesa della SPAL ha senz’altro aiutato parecchio, ma se LoSpallino.com (r)esiste online da oltre un decennio lo deve anche alla tenacia di chi nel corso del tempo l’ha mantenuto vivo con determinata ostinazione. Restare nel mercato dell’informazione sportiva online, per di più su base locale, non è un’impresa facile ma grazie al sempre delicato equilibrio tra passione e vicinanza dei nostri inserzionisti (sempre siano lodati) abbiamo continuato a garantire un servizio per una comunità enorme di lettori. Google Analytics ci dice che solo nell’ultimo anno sono stati 277mila, di cui 84mila che hanno aperto le pagine del nostro per più di 100 volte in in quell’arco di tempo generando un traffico di quasi 3 milioni di visualizzazioni.

Ci piace l’idea di poter raccontare la SPAL e il suo mondo a modo nostro, così come ci piace l’idea di poter migliorare giorno dopo giorno e provare a dialogare costantemente col nostro pubblico. Una comunità che più variegata non si può e che in alcuni casi ha espresso il desiderio di sostenerci anche concretamente. Così nell’agosto 2017 abbiamo aperto alla possibilità di raccogliere donazioni grazie ad un conto Paypal e ad un invito collocato in coda a ciascuno dei nostri contenuti. Se avete notato un box azzurro, ecco, parla proprio di questa possibilità.
Qualcuno ha presto detto: “Ecco, parte la richiesta di elemosina“, senza capire (o fingendo di non riuscirci) che si trattava solo di stimolare una riflessione in merito al valore concreto di informazioni che costano lavoro e impegno. Ma si è trattato di casi isolati, perché in compenso abbiamo trovato molta sensibilità. Senza bisogno di fanfare o ricorrenti campagne martellanti, oltre un centinaio di persone ha donato cifre piccole e grandi, consentendo alla testata di rafforzare il proprio budget stagionale. Questi sostenitori hanno contribuito a mantenere online il nostro server, a garantire che potessimo permetterci le trasferte al seguito della SPAL fin dal ritiro estivo, a fare in modo che i collaboratori venissero ricompensati adeguatamente per i quasi 1.500 articoli apparsi nell’arco della stagione, e tante altre piccole cose apparentemente scontate, ma che non lo sono.

A giugno 2019 abbiamo scelto di fare un passo ulteriore: chiedere alla nostra comunità di lettori di mandarci in trasferta, principalmente a causa del buco creato da uno sponsor che senza alcuna spiegazione non ha onorato il suo impegno nei nostri confronti. Anche in questo caso la risposta ci ha sorpresi, fornendo così alla testata le basi per seguire la SPAL in giro per l’Italia, fin dalle prime amichevoli.

Tutte queste persone meritano quantomeno una menzione per l’apporto che ci hanno fornito. Nella stagione 2019-2020 siamo in trasferta grazie a:

A. S., Agnese Piazzi, Alessandro Pastore, Andrea Agusto, Andrea Cocchi, Andrea Magri, Andrea Menegatti, Andrea Scanavini, Andrea Tassinari, Andrea Tassinari, Andrea Zapperi, Andrea Zuffi, Anna Pregnolato, B. B., Barbara Govoni, Beatrice Vallini, Christian Marziano, Cinzia Buzzoni, Daniela Toselli, Dario Tumiati, Davide Roda, Diego Menegatti, E. H., Elisa Lamborghini, Elsa Ghisellini, Emanuele Vicentini, Enrico Facchini, Enrico Miegge, Enrico Testa, Eugenio Artioli, F. O., Federica Biscuola, Federico Colombari, Federico Ferrioli, Federico Vallieri, Filippo Maria Di Dona, Filippo Vendemmiati, G. B., G. P., Gabriele Gessi, Gabriele Golinelli, Giacomo Sacchetti, Gian Luca Angelini, Gianluca Rizzati, Giulia Bianchi, Giuseppe Paparella, Ivan Lodi, Laura Barbaro, Lauro Luppi, Leonardo Facchini, Lilli Zecchin, Lorella Marzola, Luca Leandro, Luca Sabato, Luca Zucchi, M. B., M. B. (2), M. C., M. C. (2), M. M., M. P., Marco Formigoni, Marco Marzola, Maria Chiara Bacilieri, Maria Elena Cavicchi, Massimiliano Novi, Matteo Monterumici, Matteo Panzavolta, Mattia Canella, Maurizio Guarnera, Michela Zibordi, P. F., Pablo Chieffo, Paolo Callegari, Pier Giovanni Rossi, Pierluigi Gallini, M. T., Remo Maia, Renzo Vincenzi, Riccardo Dolcetti, Roberto Battilana, S. M., Sabrina Landini, Sergio Ravani, Sergio Riccio, Silvia Tassinari, Simone Colla, Simonetta Andreasi, Stefania Bruttini, Stefano Caproni, Stefano Mosele, Stefano Paparella, T. B., T. P., Tommaso Berlose, William Boldrini.

(alcuni donatori hanno espresso il desiderio di rimanere anonimi, riportiamo solo le loro iniziali)

Per quello che è il panorama attuale dell’informazione, non crediamo nel modello delle sottoscrizioni, né in quello del paywall. Tradotto: LoSpallino.com non sarà mai a pagamento. Ma se può davvero contare su una base forte che lo sente indispensabile e parte della propria vita quotidiana, potrà tranquillamente vivere un altro decennio. Non sarebbe male, vero?

Se per te l’informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale. E se vuoi raccontarci il motivo per il quale lo fai, oppure darci consigli per migliorare, scrivici a: [email protected]