Il punto reparto per reparto dopo gli arrivi di Miglietta e Finotto

Manca ancora più di un mese al battesimo ufficiale della SPAL di Oscar Brevi, ma la società viaggia spedita sul fronte mercato allo scopo di raggiungere al più presto gli obiettivi di mercato inquadrati assieme all’allenatore milanese. Con i contratti di Miglietta e Finotto già nel cassetto, e con gli accordi già ampiamente presi con Albertoni e Pierandrei, il presidente Mattioli e il direttore sportivo Vagnati stanno intensificando i contatti per portare a Ferrara altri giocatori importanti.

DIFESA – Il tassello principale resta il centrale destro che in teoria dovrebbe affiancare Nicolas Giani nello schieramento titolare. Il candidato principale rimane Michele Cremonesi (1988) del Crotone, ma non sono da escludere altri profili. Da qualche giorno il ds Vagnati va ripetendo che la SPAL partirà per il ritiro con tre centrali di ruolo, riservandosi di inserirne un altro nella seconda parte del mercato. Ma non saremmo sorpresi se prima del 28 luglio dovesse giungere a Ferrara un altro centrale di spessore, a maggior ragione se nei piani di Brevi dovesse essere previsto l’impiego da terzino di Tommaso Silvestri. Per la maglia numero due il candidato principale rimane Johar Ferretti (1994), ragazzo di scuola Milan dai grandi mezzi atletici. Sul binario di sinistra agirà ancora Samuele Sereni, mentre la società biancazzurra rimane in attesa di novità dall’Inter per il prestito di Fabio Eguelfi (1995).

CENTROCAMPO – Se, come pare, il modulo di partenza di Brevi sarà il 4231, i due mediani saranno il confermato Andrea Landi e il nuovo arrivo Criss Miglietta. A completare il reparto degli incontristi potrebbe essere Alessio Innocenti, classe 1993 con passaporto argentino cresciuto nelle giovanili del Milan. Il ragazzo è reduce da un periodo in prestito a Barletta e ha diversi estimatori: peserà molto la sua preferenza.  Si tratta di un giocatore polivalente, capace sia di far legna, sia di iniziare l’azione. L’alternativa è un “cugino”, ossia Simone Pasa, centrocampista di scuola Inter che ha trascorso l’ultima stagione a Padova giocando pochissimo. Anche in questo caso non sorprenderebbe vedere la società attendere il mese di agosto per accaparrarsi qualche occasione.
Poco più avanti, sul settore dei trequartisti, agiranno di sicuro Manuel Lazzari e il neo-acquisto Mattia Finotto. A loro si aggiungerà quasi certamente Gianmarco Conti, rifinitore classe 1992 attualmente senza contratto dopo la retrocessione della Virtus Vecomp. Il giocatore, nativo di Mirano (VE), ha messo a segno 9 gol in 22 presenze con i rossoblu nell’ultimo campionato di Seconda Divisione. Vicino anche Alberto Filippini (1987), trequartista lasciato libero dalla Torres (21 presenze, 4 gol): società e giocatore sono ai dettagli, a favore di un suo ingaggio depone una doppia esperienza con Brevi a Como e Cremona. Più difficile (ma non impossibile) invece arrivare a Marco Frediani, ala sinistra classe 1994 di proprietà della Roma che nell’ultima stagione si è messa in mostra a L’Aquila. Complicato anche un ritorno di Davide Di Quinzio (1989): la disponibilità del giocatore c’è, ma l’Albinoleffe esige un conguaglio per liberare il giocatore. Si tratta, ma le prospettive non sembrano positive.

ATTACCO – L’arrivo di Domenico Germinale (1987) è praticamente certo, rimane solo da stabilire il giorno. Per il momento solo lui e Riccardo Pierandrei (1996) sono certi di vestire il biancazzurro, visto il ritiro di Varricchio e il sempre più probabile addio di Giuseppe Cozzolino. L’attaccante campano non sembra rientrare nei piani di mister Brevi e probabilmente rientrerà in uno scambio.  Per il ruolo da centravanti c’è sempre Rachid Arma (1985) in cima alla lista dei desideri. L’attaccante marocchino è legato al Pisa, ma potrebbe essere liberato nel caso i nerazzurri decidessero di ridurre i costi. L’alternativa più credibile porta il nome di Cristian Altinier (1983), mentre sembra più defilato Federico Gerardi (1987), imponente centravanti della Reggina appena retrocessa in Prima Divisione.

Attualmente LoSpallino.com raggiunge un pubblico che non è mai stato così vasto e di questo andiamo orgogliosi. Ma sfortunatamente la crescita del pubblico non va di pari passo con la raccolta pubblicitaria online. Questo ha inevitabilmente ripercussioni sulle piccole testate indipendenti come la nostra e non passa giorno senza la notizia della chiusura di realtà che operano nello stesso settore. Noi però siamo determinati a rimanere online e continuare a fornire un servizio apprezzato da tifosi e addetti ai lavori.

Convinti di potercela fare sempre e comunque con le nostre forze, non abbiamo mai chiesto un supporto alla nostra comunità di lettori, nè preso in considerazione di affidarci al modello delle sottoscrizioni o del paywall. Se per te l'informazione de LoSpallino.com ha un valore, ti chiediamo di prendere in considerazione un contributo (totalmente libero) per mantenere vitale la nostra testata e permetterle di crescere ulteriormente in termini di quantità e qualità della sua offerta editoriale.

0